Usato

Mini Trigger (2008): pregi e difetti della piccola britannica

Sfiziosa e facile da trovare, si porta a casa con meno di 10.000 euro

di Marco Coletto -

La Mini Trigger del 2008 è una piccola ideale per chi vuole un mezzo sfizioso e ama apparire: le strisce bianche e i due fari anteriori supplementari sono perfetti per distinguersi, così come la plancia in alluminio spazzolato. Trovarla a meno di 10.000 euro è semplicissimo: scopriamo i suoi pregi e difetti.

Pregi

Abitabilità

I passeggeri posteriori non hanno molti centimetri a disposizione delle gambe ma tutto sommato si difende bene.

Finitura

Eccellente: i materiali utilizzati per la plancia sono pregiati (come l’alluminio precedentemente citato) e ottimamente assemblati.

Dotazione di serie

Autoradio, cerchi in lega e climatizzatore: tutto quello che serve.

Posto guida

La posizione di seduta bassa offre un tocco di sportività. L’unica pecca è la scarsa ergonomia dei comandi.

Climatizzazione

L’impianto è potente e caratterizzato da bocchette ampie.

Sospensioni

Gli ammortizzatori non hanno una taratura particolarmente morbida. Meglio così: la Mini, con qualsiasi motore, deve offrire un comportamento stradale divertente.

Rumorosità

Il propulsore ha un sound poco marcato e mai fastidioso e l’abitacolo è ben insonorizzato.

Motore

Non fatevi ingannare dalle caratteristiche tecniche: il 1.4 Euro 4 a benzina da 95 CV e 140 Nm di coppia è un’unità più vivace di quanto ci si aspetterebbe. Per il vero divertimento, però, bisogna portarla sopra i 4.000 giri.

Cambio

La trasmissione manuale a sei marce è contraddistinta da una leva maneggevole. Peccato solo per il pedale della frizione un po’ troppo pesante.

Sterzo

Diretto e preciso: impossibile chiedere di meglio in questo segmento.

Prestazioni

Interessanti: 185 km/h di velocità massima e 10,8 secondi per accelerare da 0 a 100 chilometri orari.

Dotazione di sicurezza

Airbag frontali, laterali e a tendina, cinque stelle Euro NCAP e tre stelle nella protezione dei bambini. Cercate esemplari dotati di ESP e controllo della trazione: erano optional.

Visibilità

Le dimensioni esterne contenute e le ampie superfici vetrate rendono praticamente impossibile sbagliare un parcheggio.

Freni

Potenti e mai in affanno. Anche in caso di arresti bruschi il posteriore rimane sempre stabile.

Tenuta di strada

Impossibile trovare una Mini bocciata in questa materia: nella guida di tutti i giorni è incollata all’asfalto, in modalità più sportiva sa come far godere i suoi proprietari.

Tenuta del valore

Le Mini sono apprezzatissime sul mercato dell’usato: basta metterne una in vendita per trovare in pochissimo tempo una fila di persone interessate al suo acquisto.

Consumo

18,9 km/l: nella media della categoria.

Difetti

Capacità bagagliaio

160 litri che diventano 680 quando si abbattono i sedili posteriori. Un valore insufficiente persino per le esigenze di una coppia.

Prezzo

Da nuova costava tantissimo (20.171 euro) e anche oggi le sue quotazioni sono particolarmente elevate: si trova senza problemi a 9.500 euro. Poco meno di una Volkswagen up! “base” appena uscita dal concessionario.

Garanzie

La copertura globale è scaduta nel 2010 mentre quella sulla verniciatura nel 2011. Ancora valida, fino al 2020, la protezione sulla corrosione.

Scopri tutto il listino Mini.

Foto

Mini, la storia in foto

Le mille evoluzioni della piccola inglese dal 1959 ad oggi.

Foto

Mini One Clubman (2009)

Poco spaziosa ma tanto trendy: bastano poco più di 10.000 euro.