• pubblicato il 25-02-2013

Porsche 911 Turbo (2009). pregi e difetti della supercar tedesca

di Marco Coletto

Un mostro di potenza a meno di 80.000 euro

Nel 2009 la Porsche 911 Turbo era il modello più costoso presente nella gamma della coupé di Zuffenhausen. Ora "bastano" meno di 80.000 euro per portarsi a casa una delle supercar più emozionanti di sempre. Scopriamo insieme i pregi e difetti della sportiva tedesca.

Pregi

Abitabilità

Ufficialmente i posti sono quattro, anche se il divano posteriore può accogliere solo due bambini. Meglio comunque di una biposto.

Finitura

Solo in Germania vengono realizzate sportive così ben curate. Trovarle un difetto è semplicemente impossibile.

Dotazione di serie

Completa: antifurto, autoradio, cerchi in lega, climatizzatore, fari allo xeno, fendinebbia, interni in pelle, navigatore satellitare e vernice metallizzata.

Posto guida

Realizzato da ingegneri che sanno bene cosa piace a chi ama guidare. Posizione di seduta impeccabile, sedili avvolgenti e una strumentazione che più completa non si può.

Climatizzazione

L'impianto è potente ed efficace quanto quello di un'ammiraglia. Impiega pochissimo tempo a modificare la temperatura nell'abitacolo.

Sospensioni

La taratura rigida è l'ideale per gli amanti della sportività. Gli ammortizzatori, tuttavia, non sono rigidi come quelli di una GT3 e consentono quindi di percorrere molti chilometri senza affaticarsi.

Rumorosità

La sinfonia proveniente dal motore non è mai fastidiosa. Il livello di insonorizzazione dell'abitacolo, oltretutto, è discreto.

Motore

Il 3.6 a sei cilindri contrapposti Euro 4 da 480 CV e 620 Nm di coppia grazie alla sovralimentazione offre - a differenza delle Carrera aspirate che vanno "tirate" un po' di più - una spinta impressionante già a quota 2.000 giri. L'allungo non manca.

Cambio

La trasmissione manuale a sei marce è maneggevolissima. Bisogna fare solo i conti con un pedale della frizione  un po' troppo pesante.

Sterzo

Il comando merita il massimo dei voti. Anche se molti clienti lamentano lievi imperfezioni per quanto riguarda la precisione nella guida in pista.

Prestazioni

Bastano i numeri: 310 km/h di velocità massima e 3,9 secondi per accelerare da 0 a 100 km/h.

Dotazione di sicurezza

Airbag frontali, laterali e a tendina e controli di stabilità e trazione. Promossa.

Visibilità

Parcheggiare una 911 Turbo è abbastanza semplice. Fate solamente attenzione alla coda, a meno che l'esemplare da voi acquistato non sia dotato di sensori (erano optional).

Freni

Potentissimi in qualunque situazione. Difficile pretendere di più.

Tenuta di strada

Rassicurante, grazie alle quattro ruote motrici. Spingendo forte sul pedale dell'acceleratore ci si può comunque divertire parecchio, a patto di essere piloti esperti.

Prezzo

Da nuova costava 143.739 euro (una cifra tutto sommato ragionevole se confrontata con quella di altre rivali dirette), oggi si trova facilmente a 78.000 euro. Poco meno di una BMW 640i Coupé appena uscita dal concessionario.

Tenuta del valore

Elevata. Come sempre, quando si parla di un mito assoluto dell'automobilismo come la Porsche 911.

Consumo

7,8 km/l dichiarati sono un valore incredibile per una sportiva da quasi 500 cavalli.

Difetti

Capacità bagagliaio

La presenza della trazione integrale penalizza il vano anteriore che già non brilla alla voce "volumetria". 105 litri sono un valore che può soddisfare solo un single.

Garanzie

La copertura globale è terminata nel 2011 mentre quella sulla verniciatura nel 2012. Ancora valida, fino al 2019, la protezione sulla corrosione.

Scopri tutto il listino Porsche.

Porsche 911 Turbo (2009). pregi e difetti della supercar tedesca

L'opinione dei lettori