Usato

Porsche Cayman S (2008)

Bastano meno di 40.000 euro per portarsi a casa la sorella minore della 911.

di Marco Coletto -

Motore centrale, trazione posteriore e tanto divertimento: questo offre la Porsche Cayman S. La coupé di Zuffenhausen è una vera e propria supercar in miniatura: una sportiva che non teme il confronto con la sorella maggiore 911. Un esemplare del 2008 si trova a meno di 40.000 euro, scopriamo i pregi e i difetti.

ABITABILITÀ – I posti sono solo due ma anche i passeggeri più alti non rimangono delusi dallo spazio disponibile a bordo.

FINITURA – La qualità dei materiali e degli assemblaggi raggiunge livelli di pura eccellenza.

DOTAZIONE DI SERIE – Il minimo indispensabile: autoradio, cerchi in lega, climatizzatore e fendinebbia. Cercate esemplari ben accessoriati: ce ne sono.

CAPACITÀ BAGAGLIAIO – Eccellente: grazie al motore in posizione centrale sono stati ricavati due vani (uno davanti e uno dietro) in grado di offrire una capienza complessiva di ben 410 litri.

POSTO GUIDA – Il volante non è allineato con la pedaliera. Alla lunga questa situazione può risultare scomoda.

CLIMATIZZAZIONE – Senza infamia e senza lode.

SOSPENSIONI – Durissime, com’è logico che siano.

RUMOROSITÀ – Il sound del propulsore penetra nellì’abitacolo senza filtri. Ma è questo il suo bello.

MOTORE – Il 3.4 boxer a sei cilindri Euro 4 da 295 CV e 340 Nm di coppia è particolarmente elastico. Ma il vero divertimento arriva a partire da 4.000 giri.

CAMBIO – La trasmissione manuale a sei marce è caratterizzata da una leva che a volte tende ad impuntarsi e bisogna fare i conti con una frizione molto pesante.

STERZO – Semplicemente perfetto. Sensibile a qualsiasi comando del guidatore e precisissimo. Difficile trovare di meglio in questo segmento.

PRESTAZIONI – 275 km/h di velocità massima e 5,4 secondi per accelerare da 0 a 100 km/h. Vi bastano?

DOTAZIONE DI SICUREZZA – Airbag frontali, laterali e per la testa e controlli elettronici di stabilità e trazione. Nella norma.

VISIBILITÀ – Penalizzata dalla posizione di guida bassa. Cercate vetture dotate di sensori di parcheggio: costavano 492 euro.

FRENI – Gli spazi d’arresto sono buoni mentre delude la modularità del pedale.

TENUTA DI STRADA – Da dieci e lode. Disattivate i controlli elettronici solo se siete dei guidatori esperti.

PREZZO – Da nuova costava 63.219 euro, oggi si trova facilmente a 36.000 euro. Quanto una BMW 320i Coupé appena uscita dal concessionario.

TENUTA DEL VALORE – Eccellente: nei primi tre anni il prezzo è calato della metà mentre in futuro la cifra è destinata a scendere in maniera meno evidente.

CONSUMO – 9,4 km/l dichiarati. Con una guida tranquilla si riesce a stare abbondantemente sopra quota dieci.

GARANZIE – La copertura globale è terminata nel 2010 mentre quella sulla verniciatura quest’anno (dipende dal mese di immatricolazione). Ancora valida, fino al 2018, la protezione sulla corrosione.

Foto

Porsche Cayman (2008)

Bastano meno di 40.000 euro per portarsi a casa la sorella minore della 911.