• pubblicato il 24-12-2012

Seat Alhambra 2.0 TDI (2011): pregi e difetti della grande monovolume spagnola

di Marco Coletto

La gemella in salsa iberica della Volkswagen Sharan costa poco più di 25.000 euro

Voglia di spazio e poco desiderio di apparire? La Seat Alhambra è l'ideale. La grande monovolume spagnola, gemella della Volkswagen Sharan, non è facile da trovare e le quotazioni di una 2.0 TDI Style del 2011 sono poco superiori a 25.000 euro. Scopriamo i suoi pregi e difetti.

Pregi

Abitabilità

Di serie aveva (e ha ancora oggi) cinque posti ma la maggioranza dei clienti ha optato per i sette posti optional. Tutti molto comodi.

Finitura

L'appartenenza del marchio Seat al Gruppo Volkswagen è chiaramente visibile anche nei minimi dettagli. La plancia è realizzata con materiali di elevata qualità ed è ottimamente assemblata.

Dotazione di serie

Corposa: cerchi in lega, cruise control, fendinebbia e retrovisori ripiegabili elettricamente.

Capacità bagagliaio

Adeguata alle esigenze di una famiglia numerosa: 300 litri che diventano 2.430 abbattendo i sedili posteriori.

Posto guida

La posizione di seduta quasi sportiva non consente di dominare il traffico visto che è particolarmente bassa. I comandi sono ottimamente posizionati.

Climatizzazione

L'impianto è uno dei migliori presenti nel segmento: potente ed efficace, impiega pochissimo tempo a raffreddare e a riscaldare l'abitacolo.

Sospensioni

La taratura morbida degli ammortizzatori garantisce un eccellente comfort nei viaggi lunghi a tutti gli occupanti.

Rumorosità

Il propulsore è silenzioso ma è soprattutto l'abitacolo ad essere ben insonorizzato.

Motore

Il 2.0 turbodiesel TDI Euro 5 da 140 CV e 320 Nm di coppia offre una buona spinta già sotto i 2.000 giri.

Cambio

La trasmissione manuale a sei marce è semplicemente perfetta.

Sterzo

Il comando non è molto preciso ma è più che adatto alla tipologia di vettura.

Prestazioni

194 km/h di velocità massima e 10,9 secondi per accelerare da 0 a 100 km/h. Senza infamia e senza lode.

Dotazione di sicurezza

Completa: airbag frontali, laterali, a tendina e per le ginocchia, ESP e controllo di trazione. Senza dimenticare le cinque stelle conquistate nei crash test Euro NCAP e la valutazione di 80% nella protezione dei bambini.

Visibilità

Le ampie superfici vetrate e i montanti sottili non creano particolari problemi nelle manovre di parcheggio. I sensori erano optional.

Freni

L'impianto se la cava bene anche quando viene sollecitato.

Tenuta di strada

Rassicurante ma tutt'altro che sportiva. Il rollio non manca.

Consumo

18,2 km/l: nella media della categoria.

Garanzie

La copertura globale terminerà nel 2013 mentre quella sulla verniciatura scadrà nel 2014. La protezione sulla corrosione è valida fino al 2023.

Difetti

Prezzo

Da nuova costava tanto (33.700 euro), oggi non è facile da trovare visto che la maggior parte dei clienti ha preferito spendere qualcosa in più per beneficiare dell'eccellente cambio automatico a doppia frizione DSG. Le quotazioni non sono troppo distanti da quelle della più blasonata sorella Volkswagen Sharan: 26.300 euro, poco meno di una Mercedes B 180 CDI Executive appena uscita dal concessionario.

Tenuta del valore

Sempre e comunque inferiore a quella della Volkswagen Sharan, che non costa molto di più.

Scopri tutto il listino Seat.

Seat Alhambra 2.0 TDI (2011): pregi e difetti della grande monovolume spagnola

L'opinione dei lettori