• pubblicato il 26-01-2015

Ssangyong Rexton W (2014): pregi e difetti della SUV coreana a trazione posteriore

Tanto spazio e sette posti a poco più di 20.000 euro: peccato che la versione 2WD sia introvabile

La Ssangyong Rexton W a trazione posteriore è una SUV adatta a chi ha bisogno di spazio (sette posti) e non vuole spendere grosse somme: le quotazioni di un esemplare del 2014 - introvabile (la maggioranza dei clienti preferisce pagare qualcosa in più per la trazione integrale) - superano di poco i 20.000 euro. Scopriamo insieme i suoi pregi e difetti.

Pregi

Abitabilità

Non è difficile stare comodi su un’auto lunga quasi 4,80 metri (4,76, per l’esattezza). I posti a sedere, oltretutto, sono sette.

Dotazione di serie

Ricca ma poco personalizzabile: autoradio con Bluetooth, cerchi in lega, climatizzatore automatico, cruise control, fendinebbia, retrovisori ripiegabili elettricamente e sensori di parcheggio posteriori.

Capacità bagagliaio

Con tutti e sette i posti occupati il vano della Ssangyong Rexton W è un po’ piccino (250 litri): la situazione cambia drasticamente (2.086 litri) quando si abbattono i sedili posteriori.

Climatizzazione

Impianto potente, comandi posizionati un po’ troppo in basso.

Sospensioni

Gli ammortizzatori della Ssangyong Rexton W hanno una taratura molto soffice: adatta nei lunghi viaggi con famiglia, un po’ meno quando si cerca la guida allegra.

Motore

Il 2.0 turbodiesel Xdi Euro 5 da 155 CV e 360 Nm di coppia non è un fulmine di guerra ma è molto elastico: la spinta è generosa già sotto i 2.000 giri.

Freni

Senza infamia e senza lode.

Prezzo

Da nuova costava (e costa ancora oggi) 25.700 euro: trovarla di seconda mano è impossibile (più semplice rintracciare le 4WD) e le sue quotazioni recitano 20.900 euro. Poco più di una Renault Captur 1.5 dCi Energy R-Link appena uscita dal concessionario.

Consumi

Onesti: 13,7 km/l dichiarati.

Garanzie

La Ssangyong Rexton W è coperta fino al 2017 (fino al 2016 se sono già stati percorsi più di 100.000 km).

Difetti

Finitura

La plancia della Ssangyong Rexton W è reallizzata con plastiche di buona qualità e ben assemblate ma in alcune zone si nota la ricerca del risparmio.

Posto guida

Il sedile poco avvolgente non è di grande aiuto nelle curve prese in modo "allegro".

Rumorosità

Marcata alle alte velocità.

Cambio

La trasmissione manuale a sei marce della Ssangyong Rexton W tende ad impuntarsi quando si maneggia la leva velocemente.

Sterzo

Poco preciso.

Prestazioni

Migliorabili: 173 km/h di velocità massima e 13,5 secondi per accelerare da 0 a 100 chilometri orari.

Dotazione di sicurezza

Potrebbe essere più ricca: airbag frontali e laterali e controlli di stabilità e trazione.

Visibilità

Penalizzata dai montanti posteriori (tanto originali quanto ingombranti).

Tenuta di strada

La trazione posteriore, il baricentro elevato e il peso notevole non sono il massimo sulle superfici a scarsa aderenza: chi rinuncia alle quattro ruote motrici per risparmiare qualche euro deve tenere conto di questi fattori importanti.

Tenuta del valore

La presenza di due sole ruote motrici (oltretutto posteriori) porterà ad un calo vistoso delle quotazioni a breve termine: gli automobilisti italiani sono disposti ad acquistare SUV di marchi poco blasonati ma non a portarsi a casa veicoli a trazione posteriore così ingombranti.

Ssangyong Rexton W (2014): pregi e difetti della SUV coreana a trazione posteriore

L'opinione dei lettori