Usato

Suzuki Jimny (2011): pregi e difetti della piccola 4×4 giapponese

Inarrestabile in fuoristrada, si trova facilmente a meno di 12.000 euro

La Suzuki Jimny non ha rivali: è impossibile, infatti, trovare in commercio una fuoristrada così piccola (non azzardatevi a chiamarla SUV, si offenderebbe) dotata di marce ridotte. Oggi analizzeremo un esemplare del 2011, facilissimo da trovare a meno di 12.000 euro: scopriamo i suoi pregi e difetti.

Pregi

Finitura

La plancia è realizzata con plastiche rigide ma molto robuste e ben assemblate.

Dotazione di serie

L’allestimento più ricco Special da noi analizzato offre cerchi in lega, fendinebbia e interni in pelle.

Climatizzazione

Impianto potente ed efficace.

Cambio

La trasmissione manuale a cinque marce con ridotte è semplicemente eccezionale e aiuta a superare senza difficoltà pendenze considerevoli.

Sterzo

Buono in fuoristrada, poco sensibile su asfalto.

Prestazioni

Nella norma: 140 km/h di velocità massima e 14,0 secondi per accelerare da 0 a 100 chilometri orari.

Visibilità

Parcheggiare una Suzuki Jimny è semplicissimo: merito delle dimensioni esterne contenute (3,65 metri di lunghezza) e delle superfici vetrate ampie.

Tenuta di strada

Sulle superfici sconnesse ha un grip impressionante, su asfalto – quando è consigliabile usare la trazione posteriore – bisogna fare i conti con il baricentro alto.

Tenuta del valore

Le fuoristrada “vere” sono sempre apprezzatissime sul mercato dell’usato, specialmente quelle piccole ed economiche da gestire come la Suzuki Jimny.

Consumo

Interessante: 14,1 km/l dichiarati, sempre sopra i 10 nella guida normale.

Garanzie

La copertura globale termina quest’anno (a patto che non siano stati superati i 100.000 km) mentre la protezione sulla corrosione è valida fino al 2017.

Difetti

Abitabilità

Pochi centimetri a disposizione per i due passeggeri posteriori e scarsa accessibilità.

Capacità bagagliaio

113 litri che diventano 750 quando si abbattono i sedili posteriori: un valore sufficiente a malapena per le esigenze di un single.

Posto guida

Sedile scomodo e poco contenitivo e zona della pedaliera angusta: per fortuna la posizione di seduta è rialzata e consente quindi di dominare il traffico.

Sospensioni

Dure, durissime: ogni sconnessione si ripercuote sugli occupanti.

Rumorosità

Marcata, soprattutto agli alti regimi.

Motore

Per ottenere il brio dal 1.3 Euro 5 a benzina da 85 CV e 110 Nm di coppia bisogna tirare le marce: la spinta inizia a convincere solo oltre quota 4.000 giri.

Dotazione di sicurezza

ABS e airbag frontali. L’ESP non era (e non è ancora oggi) disponibile nemmeno a pagamento: servirebbe.

Freni

Potrebbero essere più potenti.

Prezzo

Da nuova costava 17.533 euro, oggi si trova facilmente a 11.900 euro (a dimostrazione dell’elevata tenuta del valore: una buona notizia per chi vende, un po’ meno per chi compra): come una Dacia Duster “base” appena uscita dal concessionario.

Scopri tutto il listino dell’usato Suzuki.

Auto Story

La storia delle piccole SUV Suzuki

Baby fuoristrada adatte ad affrontare qualsiasi superficie

Il mondo Suzuki

Suzuki Alto, la storia della citycar giapponese

Dalla Baleno alla SX4, la storia delle compatte Suzuki

Suzuki Swift, la storia della piccola giapponese

Suzuki Vitara e Grand Vitara, la storia della SUV compatta giapponese

Suzuki “chiude” in America: niente più vendita auto per il brand giapponese. Restano moto e prodotti nautici