• pubblicato il 28-12-2012

Toyota Land Cruiser 3.0 D-4D 3p. (2008): pregi e difetti della SUV giapponese

di Marco Coletto

Raffinata e comoda, va ovunque in fuoristrada

La Toyota Land Cruiser a tre porte è un'interessante alternativa alle solite SUV: comoda e raffinata come una berlina, va ovunque in fuoristrada ed è molto affidabile. Un esemplare del 2008 si trova facilmente a 22.000 euro: scopriamo i suoi pregi e difetti.

Pregi

Abitabilità

Cinque posti relativamente comodi penalizzati da un'accessibilità poco agevole per via delle tre porte.

Finitura

I materiali tanto solidi quanto pregiati e gli assemblaggi rasentano la perfezione.

Dotazione di serie

Abbastanza completa: autoradio, cerchi in lega, climatizzatore e fendinebbia.

Capacità bagagliaio

Il vano può accogliere le valigie di una coppia con un paio di figli: 403 litri che diventano 1.400 quando si abbattono i sedili posteriori.

Posto guida

Il sedile è posizionato molto in alto (come su tutte le vere fuoristrada) ma non è particolarmente ampio. I comandi sono molto ergonomici.

Climatizzazione

L'impianto è buono ma non eccezionale: le bocchette sulla consolle centrale non sono molto potenti.

Sospensioni

Tendenzialmente morbide: ideali per affrontare lunghi tragitti autostradali.

Rumorosità

Il motore ha un sound marcato ma i passeggeri dentro non lo notano molto: merito dell'ottimo lavoro di insonorizzazione effettuato dagli ingegneri nipponici.

Motore

Il 3.0 turbodiesel D-4D Euro 4 da 173 CV e 410 Nm di coppia è corposo già intorno ai 1.500 giri. Perfetto per la guida in off-road, eccellente nell'uso su asfalto.

Cambio

La trasmissione manuale a sei marce comprende anche le ridotte, indispensabili per chi affronta pendenze di un certo livello.

Sterzo

Può deludere chi è abituato ai comandi automobilistici (è tutt'altro che preciso) ma entusiasma chi conosce già il mondo delle 4x4 dure e pure.

Prestazioni

Nella media del segmento: 175 km/h di velocità massima e 11,5 secondi per accelerare da 0 a 100 km/h.

Dotazione di sicurezza

C'è tutto quello che serve: airbag frontali, laterali e per la testa e controlli di stabilità e trazione.

Visibilità

La ruota di scorta sporgente crea qualche problema in manovra così come l'assenza dei sensori di parcheggio ma le ridotte dimensioni esterne (4,41 metri di lunghezza) e le ampie superfici vetrate aiutano.

Tenuta di strada

Su asfalto è aiutata dall'ESP, in off-road va dappertutto.

Tenuta del valore

Le fuoristrada "dure e pure" sono sempre molto apprezzate sul mercato dell'usato e la Toyota Land Cruiser (a nostro avviso la migliore esponente di questa categoria) non fa eccezione.

Consumo

Decisamente contenuto: 11,0 km/l.

Difetti

Freni

Inadeguati ad un mezzo di questo tipo: deboli e poco pronti.

Prezzo

Da nuova era carissima (40.101 euro) e anche oggi non scherza. Si trova facilmente a 22.000 euro: poco meno di una Suzuki Grand Vitara 1.6 3p. appena uscita dal concessionario.

Garanzie

La copertura globale e quella sulla verniciatura sono terminate nel 2011. Ancora valida la protezione sulla corrosione (fino al 2020).

Scopri tutto il listino Toyota.

Toyota Land Cruiser 3.0 D-4D 3p. (2008): pregi e difetti della SUV giapponese

L'opinione dei lettori