• pubblicato il 07-01-2013

Toyota Land Cruiser 3.0 D-4D 3p. (2009): pregi e difetti della SUV giapponese

di Marco Coletto

Robusta, inarrestabile e difficile da trovare

La Toyota Land Cruiser 3.0 D-4D 3p. è già stata analizzata il mese scorso. Questa volta, però, ci occuperemo dell'annata 2009: l'ultima, quindi la più affidabile, di questo modello. Più difficile da trovare di quella dell'anno precedente, ha quotazioni che superano i 24.000 euro. Scopriamo i pregi e difetti della SUV (si fa per dire visto che va dappertutto) giapponese.

Pregi

Abitabilità

L'abitacolo è spazioso, accomodarsi a bordo è complicato a causa dell'assenza delle porte posteriori.

Finitura

Eccezionale per il segmento: le plastiche sembrano quelle di un'ammiraglia ed è difficile trovare un'auto nipponica con degli assemblaggi così curati.

Dotazione di serie

C'è tutto quello che serve: autoradio, cerchi in lega, climatizzatore e fendinebbia.

Capacità bagagliaio

403 litri che diventano 1.400 quando si abbattono i sedili posteriori: una capienza adatta ad una famiglia non troppo numerosa.

Posto guida

La posizione di seduta estremamente rialzata consente di dominare la strada e i comandi si trovano tutti dove devono essere. Sedile poco comodo.

Climatizzazione

L'impianto se la cava bene ma le bocchette della consolle centrale offrono un flusso poco potente.

Sospensioni

La taratura soft degli ammortizzatori rende piacevoli i viaggi su asfalto.

Rumorosità

Il propulsore è un po' "fracassone" ma l'abitacolo insonorizzato neutralizza il problema.

Motore

Il 3.0 turbodiesel D-4D Euro 4 da 173 CV e 410 Nm di coppia offre una spinta poderosa già da 1.500 giri che si esaurisce verso quota 3.500.

Cambio

La trasmissione manuale a sei marce con ridotte è perfetta per chi percorre spesso tratti "off-road" particolarmente impegnativi.

Sterzo

Poco preciso per un uso automobilistico, sensibile al punto giusto quando si fa sul serio (fuoristrada estremo).

Prestazioni

Buone ma non ottime: 175 km/h di velocità massima e 11,5 secondi per accelerare da 0 a 100 km/h.

Dotazione di serie

Airbag frontali, laterali e a tendina e controlli di stabilità e trazione: serve altro?

Visibilità

Mancano i sensori di parcheggio e la ruota di scorta sporgente crea disagi in manovra ma le dimensioni esterne compatte (è lunga 4,41 metri) e le ampie superfici vetrate sono di grande aiuto.

Tenuta di strada

Quando oltrepassa il limite sull'asfalto interviene prontamente l'elettronica: fuori dalle strade "normali" è aggrappata al terreno.

Tenuta del valore

La Toyota Land Cruiser è una delle fuoristrada più ricercate sul mercato dell'usato. Il suo prezzo è ovviamente destinato a calare ma non troppo.

Consumo

Convincente: 11,0 km/l.

Difetti

Freni

Carenti di potenza, possono creare problemi nelle manovre di emergenza.

Prezzo

Da nuova costava tantissimo (40.151 euro), oggi è introvabile visto che la maggioranza dei clienti ha optato per le più comode varianti dotate di cambio automatico. Le sue quotazioni si aggirano intorno ai 24.200 euro: poco meno di una Mini Paceman Cooper appena uscita dal concessionario.

Garanzie

La copertura globale e quella sulla verniciatura sono terminate nel 2012 mentre la protezione sulla corrosione è ancora valida fino al 2021.

Scopri tutto il listino Toyota.

Toyota Land Cruiser 3.0 D-4D 3p. (2009): pregi e difetti della SUV giapponese

L'opinione dei lettori