• pubblicato il 28-04-2014

Volvo S60 GPL (2004): pregi e difetti della berlina a gas svedese

Ha quotazioni bassissime e consente di risparmiare dal benzinaio ma è introvabile

La Volvo S60 a GPL del 2004 non è una berlina facile da trovare: la maggioranza dei clienti interessati al gas preferiva infatti spendere qualcosa di più per gli esemplari a metano. Questo è il motivo per cui le quotazioni di questa vettura - rifinita come un'ammiraglia ma con dimensioni esterne più compatte - sono estremamente basse (circa 1.000 euro): scopriamo i suoi pregi e difetti.

Pregi

Abitabilità

Le forme filanti della carrozzeria complicano l’accesso ai posti posteriori ma una volta a bordo si sta comodi.

Finitura

La plancia ha ancora oggi un design moderno e i materiali utilizzati per realizzarla (morbidi e ottimamente assemblati) sentono poco il peso degli anni.

Dotazione di serie

Appena sufficiente quella della versione “base” Kinetic: autoradio, cerchi in lega, climatizzatore e fendinebbia.

Capacità bagagliaio

394 litri sono un valore più che sufficiente per una coppia con un figlio. Il vano ha oltretutto una forma regolare.

Posto guida

Progettato per coccolare il pilota: sedili avvolgenti, comandi ergonomici e tanta qualità.

Climatizzazione

L’impianto funziona molto bene ed è ancora oggi uno dei più intuitivi mai realizzati.

Sospensioni

La taratura soffice (ma non troppo) degli ammortizzatori riesce a mettere d’accordo chi cerca il comfort e chi non vuole rinunciare al piacere di guida.

Rumorosità

Il propulsore silenziosissimo si abbina alla perfezione ad un abitacolo ottimamente insonorizzato.

Motore

Il 2.4 cinque cilindri Euro 4 a GPL da 140 CV e 214 Nm di coppia si comporta come tutti gli aspirati dalla cilindrata corposa: elastico ai bassi regimi ma capace di offrire brio solo oltre una certa soglia (in questo caso 4.000 giri).

Cambio

La trasmissione manuale a cinque marce se la cava in maniera egregia. A velocità da Codice non si sente il bisogno di un sesto rapporto.

Sterzo

Preciso nelle curve ma un po’ troppo demoltiplicato alle basse velocità.

Prestazioni

Briosa: 210 km/h di velocità massima e 10,2 secondi per passare da 0 a 100 chilometri orari.

Dotazione di sicurezza

Alti e bassi: quattro stelle nei crash test Euro NCAP e due nell’urto pedone, airbag a profusione (frontali, laterali e a tendina) e controllo di trazione. L’ESP, però, era optional.

Visibilità

Nonostante la coda sporgente e il lunotto piccolo non è difficile percepire gli ingombri in fase di parcheggio. I sensori si pagavano a parte.

Freni

Potentissimi e, soprattutto, mai soggetti ad affaticamento neanche dopo un uso intenso (tratti di montagna in discesa, per intenderci).

Tenuta di strada

Nonostante l’assenza del controllo di stabilità la berlina svedese riesce ad offrire un comportamento stradale sempre rassicurante. Meglio comunque non esagerare.

Prezzo

Da nuova costava 30.701 euro, oggi è introvabile (più semplice, ma non troppo, rintracciare esemplari a metano pieni di chilometri). Difficile stabilire una quotazione: nel caso doveste riuscire a trovarne una potrebbe bastare semplicemente pagare il passaggio di proprietà.

Tenuta del valore

Nonostante l’impianto a gas sono pochi gli automobilisti interessati ad un mezzo così anziano. La buona notizia è che difficilmente è destinata a vedere calare ulteriormente le proprie quotazioni.

Consumo

11,1 km/l dichiarati: nella media del segmento.

Difetti

Garanzie

Tutte (globale, verniciatura e corrosione) scadute nel 2006.

Scopri tutto il listino Volvo.

Volvo S60 GPL (2004): pregi e difetti della berlina a gas svedese

L'opinione dei lettori