Blog / Daily Driver

OnePlus 5: l’alternativa valida a cui non tutti pensano

Con un rapporto qualità/prezzo sempre ineguagliabile, il nuovo modello mette sotto al cofano la tecnologia più recente. Peccato che somigli a un iPhone...

di Claudio Mastroianni -
One Plus 5: ecco il nuovo cellulare per intenditori

“Perché non prendi un Oneplus?”.

Ecco, io lo dico più o meno a tutti quelli che mi chiedono “Che cellulare potrei comprare?”.

Di solito come risposta ottengo un “Oneche?”, perché nei suoi 3 anni e mezzo di vita l’azienda cinese ha conquistato il cuore degli intenditori di telefonia ma non si è fatto conoscere dal grande pubblico.

La causa di tutto questo è anche ciò che rende i cellulari prodotti da Oneplus così buoni e contemporaneamente così economici: una strategia di marketing basata sostanzialmente sul passaparola.

E invece i vari Oneplus commercializzati finora sono stati tutti, in maniera consistente (oddio, a parte il Oneplus2…), un’ottima scelta d’acquisto. Questo Oneplus 5, presentato proprio questa settimana e venduto in Italia a un prezzo di 499 euro, conferma la regola.

Oneplus 5, il design: un po’ troppo iPhone?

Oggi giorno, è difficile essere fantasiosi col design di un cellulare.

Bordi arrotondati, angoli arrotondati, forme arrotondate. È tutto arrotondato (per fortuna: l’ergonomia ne guadagna). No, non vorrei usare la parola “saponetta”, anche perché avete mai visto saponette così sottili? Però, ecco… ci siamo capiti.

Dopo il OnePlus 3, che qualcosa di diverso diceva, con il OnePlus 5 l’azienda cinese ha dovuto cedere.

E ha fatto quasi una copia carbone dell’iPhone.

La cosa è più evidente nella vista posteriore e nella vista laterale – lo spessore tanto decantato da Oneplus, 7,25 mm, è praticamente identico a quello dell’iPhone 7 Plus – e arriva al punto da poter sovrapporre la posizione dei bottoni: a destra il bottone dell’accensione, a sinistra i bottoni del volume con subito sopra lo switch per la modalità silenziosa (iPhone) o per le modalità di suono/silenzioso (Oneplus 5).

Le cose migliorano sul frontale, dove la presenza di un sensore per le impronte rettangolare regala al cellulare proporzioni diverse, e nella parte inferiore del telefono con la presenza della porta USB-C e (allelujah) dell’ingresso per le cuffie.

Rimane la sensazione però di trovarsi di fronte a una versione vorrei-ma-non-posso dello smartphone Apple.

Ed è un peccato, perché il OnePlus 5 rimane sempre una soluzione consigliatissima per chi vuole comprare un cellulare buono senza spendere troppo.

OnePlus 5: il top della tecnologia?

L’ultimo nato di OnePlus è infatti – ancora una volta – un signor cellulare.

Ad attirare l’attenzione è sicuramente la nuova fotocamera – o meglio, dovremmo parlare di doppia fotocamera – che secondo quelli di OnePlus è “il sistema a doppia fotocamera con la più alta risoluzione disponibile al momento”. Stiamo parlando ovviamente di un doppio sensore:

  • un sensore principale da 16 megapixel ben luminoso (f/1.7)
  • un sensore secondario da 20mpx con luminosità di f/2.6 e funzioni da teleobiettivo (leggete qui per capirne di più)

Il risultato, secondo OnePlus, è quello di foto più nitide. Bisogna dire, a giudicare da quello che si vede in giro, di foto più che dignitose.

Bisogna dire, però, che anche il resto del cellulare è di ottimo livello: a parte la già citata USB-C e una batteria da 3300 mAh con ricarica rapida (con la promessa di una quantità sufficiente a superare la giornata in mezz’ora di ricarica), a stupire (piacevolmente) di più è la presenza del processore Qualcomm Snapdragon 835, presentato al CES dello scorso gennaio. Modernissimo e potente, si affianca a una dotazione in RAM di 6GB o 8GB.

Insomma: il OnePlus 5 promette di essere veloce, potente e prestazionale. Con un prezzo limitato – tra virgolette – che parte da 499 euro per l’Italia. La metà di un iPhone.

Capite perché è una alternativa valida?

E visto che qui siamo su un sito che parla di auto, vi lascio con un collegamento molto pazzo fatto dalla stessa Oneplus: perché non fare un unboxing su una Lamborghini? Già, perché no?

 

Oneplus e Lamborghini