• pubblicato il 21-07-2016

Suzuki S-Cross

La SUV compatta giapponese è il modello più grande presente nei listini della Casa nipponica

La Suzuki S-Cross, nata nel 2013 e sottoposta ad un restyling nel 2016, è una SUV compatta molto sottovalutata nonché il modello più grande presente attualmente nei listini della Casa giapponese.

Suzuki S-Cross: gli esterni

Il restyling ha portato alla Suzuki S-Cross un frontale più elegante e meno simile a quello della prima generazione della Nissan Qashqai.

Suzuki S-Cross: gli interni

La Suzuki S-Cross si distingue dalla cugina Vitara per le dimensioni più ingombranti, per l’abitacolo più spazioso e per il bagagliaio più ampio. Senza dimenticare le finiture maggiormente curate.

Suzuki S-Cross: i motori

La gamma motori della Suzuki S-Cross è composta da tre unità turbo: due Boosterjet a benzina (1.0 da 112 CV e 1.4 da 140 CV) e un 1.6 diesel DDiS da 120 CV.

Suzuki S-Cross: gli allestimenti

Gli allestimenti della Suzuki S-Cross sono tre: Easy, Cool e Top. La versione “base” offre alzacristalli elettrici anteriori e posteriori, climatizzatore manuale, cruise control, sistema multimediale con radio CD MP3 USB con comandi al volante, Bluetooth, volante multifunzione, cerchi in acciaio da 16”, 7 airbag, Hill Hold Control, sedili anteriori regolabili in  altezza e posteriori ribaltabili 60:40, specchietti retrovisori in tinta con la carrozzeria, regolabili elettricamente, luci diurne DRL, Start & Stop.

La Cool costa 2.500 euro più della Easy a parità di motore e aggiunge i cerchi in lega da 17” a 5 doppie razze Silver, i fari anteriori a LED (con sensore crepuscolare), le luci diurne a LED, il sistema multimediale con display touch screen da 7” con USB e AUX, la connettività smartphone, i mancorrenti al tetto Silver, la retrocamera posteriore con indicatore di distanza, il volante in pelle regolabile in altezza e profondità, il bracciolo centrale, i sedili anteriori riscaldabili, gli specchietti retrovisori riscaldati, regolabili elettricamente e con indicatori di direzione integrati, il climatizzatore automatico bizona, l’Off-Road Style Kit, i Privacy glass, il Keyless push start system, il Keyless entry, i sensori pioggia, lo specchio retrovisore giorno/notte automatico e i fendinebbia.

La Suzuki S-Cross Top costa 1.600 euro più della Cool a parità di propulsore e può vantare l’RBS/ACC, il display touch screen da 7” con navigatore mappe 3D, i sensori di parcheggio anteriori e posteriori, i cerchi in lega da 17” a 5 doppie razze BiColor e i mancorrenti al tetto satinati.

Suzuki S-Cross: gli optional

La dotazione di serie della Suzuki S-Cross Easy andrebbe a nostro avviso arricchita con tre optional fondamentali: i fendinebbia (250 euro), i sensori di parcheggio (189 euro) e la vernice metallizzata (600 euro). Questi ultimi due accessori andrebbero acquistati anche sulle varianti Cool e Top insieme alle barre al tetto (162 euro).

Suzuki S-Cross: i prezzi

BENZINA

Suzuki S-Cross 1.0 Boosterjet Easy  18.990 euro
Suzuki S-Cross 1.0 Boosterjet Cool  21.490 euro
Suzuki S-Cross 1.0 Boosterjet Cool A/T 22.990 euro

Suzuki S-Cross 1.4 Boosterjet Cool  24.490 euro
Suzuki S-Cross 1.4 Boosterjet Top   26.090 euro
Suzuki S-Cross 1.4 Boosterjet Cool A/T 25.990 euro

Suzuki S-Cross 1.6 DDiS Cool    24.190 euro
Suzuki S-Cross 1.6 DDiS Top    25.790 euro
Suzuki S-Cross 1.6 DDiS 4WD Cool  26.390 euro
Suzuki S-Cross 1.6 DDiS 4WD Top   27.990 euro
Suzuki S-Cross 1.6 DDiS 4WD Cool DCT 28.090 euro

Suzuki S-Cross

L'opinione dei lettori