Contrassegno assicurazione
  • pubblicato il 18-10-2015

18 ottobre 2015: addio al contrassegno dell'assicurazione RC Auto

Vita dura per i furbetti del tagliando: da oggi stop alle falsificazioni

Vita dura per i furbetti che espongono il contrassegno dell’assicurazione RC Auto falso: da oggi (18 ottobre 2015), infatti, non è più obbligatorio mostrare il tagliando - ritenuto poco attendibile per provare se un veicolo è “coperto” o meno - sul parabrezza mentre il certificato va sempre tenuto a bordo.

Come capire se un’auto è assicurata?

L’unico strumento possibile per verificare la copertura assicurativa di un’auto è ora il database del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, accessibile da tutti attraverso il sito www.ilportaledellautomobilista.it nella sezione “Servizi Online” e nella sottosezione “Verifica copertura RCA”. Tutti i mezzi regolarmente assicurati sono presenti in questo elenco.

Qual è la sanzione prevista per chi non assicura la propria auto?

L’assicurazione RC Auto è obbligatoria e per chi viene pescato senza copertura assicurativa è prevista una multa di 848 euro e il sequestro del mezzo ai fini della confisca.

Chi può accertare la violazione?

Per il momento l’accertamento della violazione relativa alla mancata copertura assicurativa può essere effettuato solo da agenti. Sono previste modifiche future al Codice della Strada per consentire l’accertamento senza la presenza di pattuglie.


18 ottobre 2015: addio al contrassegno dell'assicurazione RC Auto

L'opinione dei lettori