Demolizione
  • pubblicato il 18-02-2016

Come demolire un'auto

Tutte le procedure da seguire per sbarazzarsi legalmente della propria vettura

Ci sono due modi per demolire un’auto: il primo consiste nella consegna del veicolo ad un centro di raccolta autorizzato mentre il secondo - valido solo nel caso in cui il mezzo venga ceduto per acquistarne un’altro - al concessionario.

Entrambi, entro trenta giorni consecutivi dalla consegna del veicolo, devono provvedere alla cancellazione del mezzo dal Pubblico Registro Automobilistico (PRA) attraverso la richiesta di cessazione della circolazione per demolizione.

Prima di richiedere la demolizione di un’auto è consigliabile richiedere una visura, indicando la targa del veicolo, all’Unità territoriale ACI - Pubblico Registro Automobilistico, o tramite il servizio visure online, per verificare che sul veicolo non sia iscritto un fermo amministrativo.

Se sul mezzo da demolire è iscritto un provvedimento di fermo amministrativo?

Bisogna prima cancellare al PRA il fermo amministrativo (pagando le somme dovute al concessionario dei tributi).

Cosa bisogna consegnare prima della demolizione?

Bisogna consegnare, oltre all’auto da demolire, anche le targhe, la carta di circolazione e il certificato di proprietà (o il foglio complementare). In presenza di Cerificato di proprietà digitale gli autodemolitori sono autorizzati ad utilizzarlo per richiedere la radiazione dal PRA.

Se le targhe e/o i documenti sono stati rubati o smarriti?

In caso di furto o smarrimento delle targhe e/o dei documenti si deve consegnare la relativa denuncia (o la dichiarazione sostitutiva di resa denuncia) presentata agli organi di pubblica sicurezza.

Che cos’è il certificato di rottamazione?

Il certificato di rottamazione è un documento che il centro di raccolta o il concessionario sono tenuti a rilasciare al proprietario. Questo certificato deve contenere il nome e il cognome del proprietario, il suo indirizzo, il numero di registrazione e la firma del titolare dell’impresa che rilascia il certificato, l’autorità competente che ha rilasciato l’autorizzazione all’impresa, la data e l’ora di rilascio del certificato e la data e l’ora di presa in carico del mezzo, l’impegno a provvedere alla richiesta di cancellazione dal PRA, gli estremi di identificazione del veicolo (classe, marca, modello, targa e numero di telaio), i dati personali e la firma del soggetto che effettua la consegna del veicolo (qualora si tratti di soggetto diverso dal proprietario, anche i dati di quest’ultimo).

A cosa serve il certificato di rottamazione?

A sollevare da ogni responsabilità il proprietario del veicolo, ad esclusione dei fini tributari, per i quali occorre sempre fare riferiumento alle disposizioni normative delle singole Regioni. In seguito alla radiazione del veicolo dal PRA viene a cessare l’obbligo del pagamento del bollo auto.

Se il veicolo viene consegnato ad un demolitore estero?

Se l’auto viene demolita in un paese estero il proprietario può chiedere al PRA la cessazione della circolazione per demolizione presentando il certificato di proprietà o il foglio complementare, le targhe e la carta di circolazione (in caso di smarrimento o di furto si deve consegnare la relativa denuncia o una dichiarazione sostitutiva di resa denuncia presentata agli organi di pubblica sicurezza) e la nota di presentazione al PRA. Per quest’ultima bisogna utilizzare il retro del certificato di proprietà o il modello MP3C, in doppio originale, stampabile dal sito o in distribuzione gratuita presso gli STA delle Unità Territoriali ACI (PRA) e degli uffici provinciali della Motorizzazione Civile. Da non dimenticare, infine, la certificazione del demolitore estero di avvenuta demolizione con allegata tradizione ufficiale del testo.

Come demolire un'auto

L'opinione dei lettori