Fondo garanzia vittime strada
  • pubblicato il 18-02-2016

Fondo di garanzia per le vittime della strada: cos'è?

Tutto quello che c'è da sapere sull'organismo che si occupa di risarcire i danni non coperti dall'assicurazione

Il fondo di garanzia per le vittime della strada è un organismo molto importante in quanto si occupa di risarcire i danni non coperti dall’assicurazione. Di seguito troverete una guida completa.

Che cos’è il fondo di garanzia per le vittime della strada?

Il fondo di garanzia per le vittime della strada è un organismo di indennizzo che si occupa di risarcire diverse tipologie di danni.

Quali?

Quelli causati da veicoli o natanti non identificati (per danni alle persone e - in caso di danni gravi alle persone - alle cose, con una franchigia di 500 euro), quelli causati da veicoli o natanti non assicurati (per danni alle persone e alle cose), quelli causati da veicoli posti in circolazione contro la volontà del proprietario (per danni alle persone e alle cose) e per i veicoli o natanti assicurati con Imprese poste in liquidazione coatta amministrativa (con liquidazione dei danni a cura dell’impresa designata).

Il Fondo di garanzia per le vittime della strada provvede anche al risarcimento del danno in caso di sinistri causati da veicoli spediti nel territorio della Repubblica Italiana da un altro Stato dello Spazio Economico Europeo (UE più Islanda, Norvegia e Liechtenstein) avvenuti nel periodo intercorrente dalla data di accettazione della consegna del veicolo e lo scadere del termine dei 30 giorni (per danni alle persone e alle cose) e di sinistri causati da veicoli esterni con targa non corrispondente o non più corrispondente allo stesso veicolo (per danni alle persone e alle cose).

Cosa sono le imprese designate?

Sono quelle che si occupano della liquidazione dei danni e vengono scelte dall’Ivass (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni) con provvedimento valido per un triennio. Il provvedimento attualmente in vigore è valido dall’1 luglio 2015.

Quante e quali sono le imprese attualmente designate?

Le imprese designate fino al 2018 sono Reale Mutua (per Valle d’Aosta, Piemonte, Liguria e Sardegna), Allianz (per Lombardia, Marche, Lazio e Puglia), UnipolSai (per Trentino-Alto Adige, Emilia Romagna, Toscana, Abruzzo, Molise, Sicilia e San Marino), Cattolica (per Veneto e Basilicata), Generali (per Friuli-Venezia Giulia e Campania) e Sara (per Umbria e Calabria).

A quanto ammontano i massimali del Fondo di garanzia per le vittime della strada?

L’intervento del Fondo di garanzia per le vittime della strada è limitato al massimale di legge vigente al momento del sinistro. Attualmente i massimali ammontano a 5 milioni di euro per danni a persona per sinistro e 1 milione di euro per danni a cose per sinistro.

Da chi è amministrato il fondo di garanzia per le vittime della strada?

Il fondo di garanzia per le vittime della strada, istituito con legge n.990 del 1969 (abrogata con l’entrata in vigore - nel 2005 - del Codice delle Assicurazioni Private) e operativo dal 12 giugno 1971, è amministrato - sotto la vigilanza del Ministero dello Sviluppo Economico, dalla Consap (Concessionaria Servizi Assicurativi Pubblici) con l’assistenza di un apposito comitato, presieduto dal Presidente della Società o, in sua vece dall’Amministratore Delegato (composto da rappresentati del Ministero dello Sviluppo Economico, del Ministero dell’Economia e delle Finanze, di Consap, dell’Ivass, delle imprese di assicurazione e dei consumatori.

Fondo di garanzia per le vittime della strada: cos'è?

L'opinione dei lettori