autoscuola
  • pubblicato il 03-01-2013

Patenti: dal 19 gennaio 2013 si cambia. Terza puntata, le auto

di Valerio Boni

Sono introdotte limitazioni nella lista dei veicoli guidabili con la licenza "base". E arriva la B1 per i quadricicli pesanti

La rivoluzione nel regolamento che allinea le patenti di guida italiane alle normative comunitarie interessa soprattutto le due ruote, ma introduce anche alcune novità nel gruppo B.

In particolare è da segnalare una nuova classificazione di quei veicoli con più di due ruote, che il nostro Codice assimilava alle moto, consentendo la guida sia con la patente A, sia con la B.

Arriva la patente B1 per i sedicenni

Dal 19 gennaio 2013 nasce la patente B1, specifica per la guida di quadricicli diversi dai quadricicli leggeri, con peso a vuoto fino a 400 kg, che salgono a 550 kg per i veicoli destinati al trasporto di merci. Per tutti la potenza massima ammessa è 15 kW.

Come la A, la patente B1 può essere ottenuta a 16 anni, e consente la guida di vetturette, quad e piccoli furgoni con velocità non limitata a 45 km/h.

Nuovi limiti per la patente B

Rispetto a quanto previsto in precedenza, la patente B rilasciata a 18 anni non prevede più l'abilitazione alla guida di tricicli e quadricicli pesanti, ma solo di autoveicoli con peso massimo non oltre i 3.500 kg per il trasporto di non più di otto persone oltre al conducente.

A questi veicoli può essere agganciato un rimorchio con peso non superiore a 750 kg.

Per la BE rimorchi fino a 3.500 kg

Sono previsti cambiamenti anche per la patente BE, specifica per la guida di veicoli della categoria B con rimorchio oltre i limiti fissati per questa famiglia.

Se prima non era specificato altro, ora si chiarisce che il rimorchio o semirimorchio non possono avere una massa massima autorizzata superiore a 3.500 kg.
Per i conducenti professionali abilitati al trasporto di cose o persone sono necessarie, a seconda dei casi, le patenti C, CE, D, DE e la carta di qualificazione del conducente.

Chi può guidare cosa

La nuova classificazione modifica la possibilità di guidare le varie tipologie di veicoli, in base alla data di rilascio della patente. Vediamo come.

Se la patente B è stata conseguita prima del 31 dicembre 1985, si è autorizzati a guidare i veicoli delle classi AM, A1, A2, A, B1, B in tutta l'Unione Europea.

Se lo stesso documento è stato rilasciato tra il primo gennaio 1986 e il 25 aprile 1988, si è abilitati alla guida di veicoli delle classi AM, B1, B in Europa. In Ialia, inoltre, abilita alla guida di motocicli di categoria A1, A2, A, compresi i tricicli anche di potenza massima di oltre 15 kW.

Per i permessi di guida emessi tra il 26 aprile e il 18 gennaio 2013, restano invariate le categorie ammesse sul territorio europeo. Varia invece l'abilitazione limitata ai nostri confini. Si è infatti abilitati alla guida di moto di categoria A1 (125 cc) anche con rapporto potenza/peso superiore a 0,1 kW/kg e alla guida di tricicli con potenza massima superiore a 15 kW anche se il conducente non ha ancora compiuto i 21 anni

Patenti: dal 19 gennaio 2013 si cambia. Terza puntata, le auto

L'opinione dei lettori