Area di servizio

Patenti superiori: al via i nuovi quiz al computer

Tutto quello che c'è da sapere sulla nuova normativa in vigore dal 2 marzo 2015

Camion

I nuovi quiz al computer per l’esame di teoria delle patenti superiori sono entrati in vigore lo scorso 2 marzo 2015. La normativa, modificata per uniformare il nostro Paese all’Europa, prevede ora un questionario predisposto dal Ministero dei Trasporti composto da domande a cui rispondere “vero” o “falso”.

Per arrivare preparati all’esame bisogna studiare ma soprattutto esercitarsi: sul sito patentisuperiori.com, ad esempio, è possibile “allenarsi” gratis con gli stessi quiz della patente C e D presenti nel database ministeriale. Sono sette le categorie di patenti coinvolte nella riforma, scopriamo insieme tutti i dettagli.

Esami patenti superiori: le sette categorie

1) C1 o C1E non professionale

10 domande, 20 minuti, 1 errore consentito

2) C1 o C1E

20 domande, 20 minuti, 2 errori consentiti

3) C o CE

40 domande, 40 minuti, 4 errori consentiti

4) C o CE per candidati già in possesso di C1

20 domande, 20 minuti, 2 errori consentiti

5) D1 o D1E

20 domande, 20 minuti, 2 errori consentiti

6) D o DE

40 domande, 40 minuti, 4 errori consentiti

7) D o DE per candidati già in possesso di D1

20 domande, 20 minuti, 2 errori consentiti

L’esame di teoria orale è previsto solo per le patenti superiori che non rientrano tra le categorie sopra descritte e chi effettua trasporti professionali di merci o persone deve conseguire anche la carta di qualificazione del conducente attraverso una prova d’esame informatizzata composta da 40 quiz.

Area di servizio

Auto e punto di pareggio: meglio benzina, a GPL, a metano, ibrida o diesel?

Tutto dipende dai chilometri percorsi (e dalla vettura guidata): l'analisi di dieci modelli molto amati in Italia

Area di servizio

Zona 30 a Milano: tutte le informazioni

Targhe esaurite: tutto quello che c’è da sapere

Pirelli All Season, la prova

Assicurazione RC Auto gratis: attenti all’inghippo

Targa persa, rubata o deteriorata: cosa fare