Pneumatici invernali d'estate
  • pubblicato il 15-04-2016

Pneumatici invernali in estate: perché non è una buona idea

Il 10% degli automobilisti italiani guida con le gomme M+S anche durante la bella stagione

Usare gli pneumatici invernali in estate non è una buona idea: secondo una ricerca condotta da Bridgestone il 10% degli automobilisti italiani guida con le coperture M+S anche durante la bella stagione (una percentuale che sale al 18% in Danimarca).

Perché usare gli pneumatici invernali in estate non è una buona idea?

Perché la mescola e il battistrada degli pneumatici invernali sono progettati per rimanere morbidi e flessibili durante la stagione fredda e per offrire aderenza e tenuta di strada con temperature basse su superfici asciutte e in presenza di acqua e ghiaccio.

Quando le temperature si alzano, però, le gomme invernali perdono i loro vantaggi: l’aderenza e la tenuta di strada diminuiscono e le coperture si usurano più rapidamente.

Quali sono i vantaggi degli pneumatici estivi durante la bella stagione?

Le gomme estive sono realizzate con una mescola capace di resistere alle alte temperature dell’asfalto durante i mesi caldi e offrono in queste condizioni migliori prestazioni in termini di frenata, maneggevolezza, riduzione della resistenza al rotolamento, dell’usura e del consumo di carburante.

Esistono dati che quantificano le differenze di comportamento alle alte temperature tra pneumatici estivi ed invernali?

Il divario prestazionale tra gli pneumatici estivi e quelli invernali in termini di frenata e maneggevolezza nei mesi più caldi può variare tra il 30% e l’8% in base alle condizioni stradali e alla temperatura. In ambienti umidi a circa 30° C un veicolo equipaggiato con gomme estive ha uno spazio di frenata fino al 30% inferiore di un mezzo con gomme invernali.

Pneumatici invernali in estate: perché non è una buona idea

L'opinione dei lettori