Bollo 3
  • pubblicato il 01-05-2015

Rimborso bollo auto: regione che vai, modalità che trovi (Sud Italia)

Procedure, documenti necessari e metodi per riavere indietro la tassa automobilistica

Il rimborso del bollo auto può essere richiesto in casi particolari e anche nel Sud Italia (come abbiamo già visto al Nord e al Centro) le modalità per ottenerlo variano da regione a regione.

Di seguito troverete una guida completa su come beneficiare di questa possibilità in Campania, in Basilicata, in Puglia, in Calabria, in Sicilia e in Sardegna.

Campania

Il rimborso della tassa automobilistica viene concesso nei seguenti casi:

- se è stato effettuato un doppio pagamento (con la stessa scadenza)
- se è stato effettuato un pagamento in eccesso
- se è stato effettuato un pagamento non dovuto (ad esempio a seguito di furto, vendita o demolizione del veicolo, ecc.)

Le domande di rimborso, redatte in carta libera, devono essere indirizzate a Regione Campania - Direzione Generale per le Risorse Finanziarie - U.O.D. Tasse Automobilistiche Regionali - Centro Direzionale Isola C5 - 80143 Napoli e vanno presentate presso le Unità Territoriali ACI e gli Automobile Club campani.

Sulla domanda devono essere riportati nome, cognome, residenza, codice fiscale (o partita IVA) e numero di telefono del richiedente; inoltre devono essere indicate anche le modalità con cui si vuole ricevere il rimborso (c/c postale, bancario ABI e CAB, assegno circolare non trasferibile con spese a carico del destinatario).

Il rimborso deve essere richiesto entro i tre anni successivi all’anno tributario di riferimento e alla domanda deve essere allegata la seguente documentazione:

In caso di doppio pagamento

- originale della ricevuta di versamento del bollo da rimborsare
- fotocopia della ricevuta di versamento del bollo valido
- fotocopia della carta di circolazione

In caso di pagamento in eccesso

- fotocopia della ricevuta di versamento del bollo pagato in eccesso
- fotocopia della carta di circolazione

In caso di versamento non dovuto

- originale della ricevuta di versamento del bollo da rimborsare
- fotocopia dell’atto da cui risulti chge il pagamento non è dovuto (es.: denuncia di furto, copia dell’atto di vendita, certificato di avvenuta consegna per la demolizione, ecc.)

Non si procede al rimborso di somme pari o inferiori a 17 euro.

Basilicata

Il rimborso della tassa automobilistica viene concesso nei seguenti casi:

- se è stato effettuato un doppio pagamento (con la stessa scadenza)
- se è stato effettuato un pagamento in eccesso
- se è stato effettuato un pagamento non dovuto (ad esempio a seguito di furto, vendita effettuata in data antecedente all’inizio del periodo tributario o demolizione del veicolo, ecc.)

Le domande di rimborso, redatte in carta libera, devono essere indirizzate a Regione Basilicata - Ufficio Ragioneria Generale e Fiscalità Generale - Via V. Verrastro 4 - 85100 Potenza e vanno presentate presso le Unità Territoriali ACI o presso le Delegazioni ACI.

Sulla domanda devono essere riportati nome, cognome, residenza, codice fiscale (o partita IVA) e numero di telefono del richiedente; inoltre devono essere indicate anche le modalità con cui si vuole ricevere il rimborso (c/c postale, bancario ABI e CAB, assegno circolare non trasferibile con spese a carico del destinatario).

Il rimborso deve essere richiesto entro tre anni solari successivi a quello del versamento e alla domanda deve essere allegata la seguente documentazione:

In caso di doppio pagamento

- originale della ricevuta di versamento del bollo da rimborsare
- fotocopia della ricevuta di versamento del bollo valido
- fotocopia della carta di circolazione

In caso di pagamento in eccesso

- fotocopia della ricevuta di versamento del bollo pagato in eccesso
- fotocopia della carta di circolazione

In caso di versamento non dovuto

- originale della ricevuta di versamento del bollo da rimborsare
- fotocopia dell’atto da cui risulti che il pagamento non è dovuto (es. denuncia di furto, copia dell’atto di vendita, certificato di avvenuta consegna per la demolizione, ecc.)

Non si procede al rimborso di somme pari o inferiori a 12 euro.

Puglia

Il rimborso della tassa automobilistica viene concesso nei seguenti casi:

- se è stato effettuato un doppio pagamento (con la stessa scadenza)
- se è stato effettuato un pagamento in eccesso
- se è stato effettuato un pagamento non dovuto (ad esempio a seguito di furto, vendita effettuata in data antecedente all’inizio del periodo tributario o demolizione del veicolo)

Le domande di rimborso devono essere presentate presso le Unità Territoriali ACI e la rete delle Delegazioni Aci. Sulla domanda devono essere indicate le modalità con cui si vuole ricevere il rimborso. Si precisa che la modalità più veloce per liquidare il rimborso è il bonifico bancario: a tal fine pertanto è importante indicare esattamente il proprio codice IBAN.

Il rimborso deve essere richiesto entro tre anni solari successivi a quello del versamento e alla domanda deve essere allegata la seguente documentazione:

In caso di doppio pagamento

- originale della ricevuta di versamento del bollo da rimborsare
- fotocopia della ricevuta di versamento del bollo valido
- fotocopia della carta di circolazione

In caso di pagamento in eccesso

- fotocopia della ricevuta di versamento del bollo pagato in eccesso
- fotocopia della carta di circolazione

In caso di versamento non dovuto

- originale della ricevuta di versamento del bollo da rimborsare
- fotocopia dell’atto da cui risulti che il pagamento non è dovuto (es. denuncia di furto, copia dell’atto di vendita, certificato di avvenuta consegna per la demolizione, ecc.)

Non si procede al rimborso di somme pari o inferiori a 15,49 euro.

Calabria

Le domande di rimborso devono essere indirizzate a Regione Calabria - Dipartimento N. 4 - Bilancio e Patrimonio - Settore N. 3 Tributi e Contenzioso - Servizi Decentrati CS-CZ-RC.

Sicilia

La domanda di rimborso va presentata all’ufficio locale dell’Agenzia delle Entrate del Comune.

Sardegna

La domanda di rimborso va presentata all’ufficio locale dell’Agenzia delle Entrate del Comune.

TAG