Accessori

Libretto di manutenzione, Renault sta lavorando per renderlo digitale

La Casa francese in partnership con Microsoft e Viseo annuncia il nuovo progetto

RenaultGroup_94281_it_it

Il progresso tecnologico presto porterà probabilmente la scomparsa del libretto di manutenzione cartaceo. Infatti Renault ha già annunciato la realizzazione di un prototipo di libretto digitale in partnership con Microsoft e Viseo, che valorizza le possibilità offerte dalla tecnologia Blockchain.

Oggi, le informazioni relative al cliente e al veicolo sono suddivise tra numerosi sistemi informativi: costruttore, assicuratore, riparatori, ecc. Basato su un’architettura aperta, il libretto di manutenzione riunisce tutte le operazioni in uno spazio unico e rivolto al cliente, che ne conserva il totale controllo. Se desidera rivendere il veicolo, ad esempio, gli basterà autorizzare l’acquirente potenziale ad accedere in totale trasparenza ai dati del libretto di manutenzione, rafforzando in tal modo la fiducia tra acquirente e venditore.

Nell’ambito di tale progetto, Microsoft ha fornito un accesso alla tecnologia “Azure Blockchain”, che è stata utilizzata come open base tecnica, agile ed economica, per lo sviluppo e l’implementazione della soluzione. Viseo, invece, è una società di consulenza tecnologica esperta nella tematica Blockchain e si è fatta carico della realizzazione globale del progetto dal punto di vista tecnologico (in stretta collaborazione con la startup cinese BitSe), ma anche per il design utente.

“Il libretto di manutenzione digitale potrebbe consentirci di offrire servizi innovativi ai nostri clienti nell’ambito di un nuovo ecosistema, insieme ad assicuratori e concessionari. La tecnologia Blockchain è in grado di creare un protocollo di fiducia piuttosto affidabile”, precisa Elie Elbaz, Direttore Digitale & Veicoli Connessi del Gruppo Renault. “Al di là di questo progetto, questa tecnologia consentirà un’evoluzione fondamentale per il veicolo connesso e per le micro-transazioni e le corrispondenti esigenze di sicurezza”.