Moto News

Ducati, due premi al Concorso d’Eleganza Villa d’Este

Un concept su base Scrambler e uno dedicato al mondo Desert Sled

In occasione del Concorso d’Eleganza Villa d’Este, svoltosi sul Lago di Como, una inedita versione della Café Racer di Ducati si è aggiudicata il primo posto nella classe “Design Motociclistico – Concept Bike e Prototipi di Nuova Concezione”, vincendo anche il “Trofeo Villa Erba”, il premio del pubblico che quest’anno è stato assegnato per la prima volta. 

Concept su base Scrambler

Realizzato su base Scrambler Ducati, questo concept è stato realizzato dal Ducati Design Center, diretto da Andrea Ferraresi. È caratterizzato da linee moderne e tese, grazie a sovrastrutture minimali completamente realizzate in alluminio, che lasciano in vista la meccanica dello Scrambler® dal quale deriva. I gruppi ottici a LED hanno un design inedito, così come le ruote a raggi in stile “bobber”, lo scarico basso e la sella realizzata a mano.

Desert Sled

Ducati era presente a Villa d’Este anche con un altro concept, sempre su base Scrambler®, ma dedicato al mondo Desert Sled. Anche questa proposta ha ottenuto molti consensi, tanto da conquistare il terzo posto, sempre nella classe “Design Motociclistico – Concept Bike e Prototipi di Nuova Concezione”. Andrea Ferraresi, Direttore Ducati Design Center, commenta: “Sono molto orgoglioso per il successo ottenuto, anche perché gli altri prototipi in gara erano davvero tutti molto belli. Così come belle e affascinanti erano le tante moto in concorso nelle varie categorie, tra le quali il pubblico ha scelto di premiare proprio la nostra Café Racer, con il Trofeo Villa Erba”.

Moto News

Benelli Tornado Naked T, la moto "mini" per la città

Monta un motore da 125cc ed è equipaggiata con ruote da 12''. Costa 1.990 euro

Moto News

Le 5 enduro stradali medie più economiche

Le moto che consentono un utilizzo a 360° che costano meno 

Ti potrebbe interessare anche

Mercato moto e scooter maggio 2017: +13,9 (TOP 100)

Bosch e il futuro delle moto: le tecnologie che cambieranno la mobilità a due ruote

Le supersportive Yamaha

Aprilia Racing e ManpowerGroup: il primo master di alta formazione del motoveicolo