Prova su strada

DRE Enduro, vi racconto la scuola di guida in fuoristrada

Un giorno a Castello di Nipozzano con Beppe Gualini e la Ducati Multistrada Enduro

di Francesco Irace -

“Il DRE enduro è una scuola basica, nata con lo scopo di insegnare le basi dell’off-road”. Sono le prime parole con cui Beppe Gualini ci ha accolto nel briefing che precede il fitto programma della nuova scuola di guida che il marchio di Borgo Panigale ha organizzato per tutti i possessori della nuova Ducati Multistrada Enduro, e non solo.

“Non vi prepariamo alle corse, vi insegniamo la tecnica e le basi per poter andare in fuoristrada e per poter poi fare progressi macinando km”, ha concluso Gualini, direttore tecnico del corso, recordman dei rally-raid africani con 65 partecipazioni e pilota che ha disputato 10 edizioni della Parigi-Dakar.

Per imparare a sfruttare la propria moto

Il nuovo corso, che va a incrementare il già noto programma Ducati Riding Experience, si rivolge a tutti coloro che guidano una enduro stradale (o hanno intenzione di comprarla) e vogliono sfruttare “tutte” le potenzialità della propria moto, imparando a mettere le ruote anche fuori dall’asfalto.

Sono tanti, infatti, quelli che comprano una enduro stradale e la usano solo su strada. Come sono numerosissimi i possessori di SUV 4×4 che si limitano a girare in città o in autostrada. Ma di questo ne parleremo magari un’altra volta.

Castello di Nipozzano

Il DRE enduro si svolge nei pressi del suggestivo Castello di Nipozzano, dura un giorno e mezzo e ha un costo di 680 euro; comprensivi di pranzi, cene, assistenza medica, visita guidata nelle cantine del castello di Nipozzano, attestato di partecipazione e welcome kit. Prevede un po’ di teoria, molto importante, e tanta, tanta pratica.

Il corso

Si studia la posizione in sella – si fa per dire, nell’off-road sta sempre in piedi –, la distribuzione dei pesi su salite e discese e soprattutto la tecnica per affrontare le curve, gli ostacoli e i percorsi più impegnativi. Dove la preoccupazione principale per tutti i neofiti è la medesima: come faccio a non perdere l’anteriore o a uscire indenne da una situazione che (inizialmente) potrebbe sembrare difficile da superare (terreno impraticabile o ostacolo insormontabile)?

La risposta a tutti i quesiti arriva dallo staff tecnico sempre pronto a dare le giuste indicazioni e a seguire passo passo i progressi di ciascun partecipante. Successivamente, con la pratica, ci si scopre in grado di fare cose impensabili. Provare per credere.

Ducati Multistrada Enduro con VHC di Bosch

Come anticipato in apertura, il Dre enduro si svolge a bordo della nuova Ducati Multistrada Enduro, che non è una Multistrada con la ruota da 19” e le gomme tassellate: è una moto completamente diversa. Ha una nuova geometria di sella, pedane e manubrio. Ha sospensioni specifiche per l’off-road, ruote a raggi (con quella anteriore da 19”) con gomme tubeless da enduro, forcellone bi-braccio e serbatoio più ampio.

Non cambia il bicilindrico Testastretta DVT da 160 CV, ma l’elettronica accoglie la mappa off-road, che riduce la potenza a 100 CV. Anche sospensioni e ABS beneficiano del setup off-road, con le prime che si ammorbidiscono e con il sistema Bosch che disattiva l’intervento sulla ruota posteriore e l’anti-impennata.

Altra chicca, è il Vehicle Hold Control (VHC), sistema sempre realizzato da Bosch che aiuta il guidatore nelle partenze in salita, che in off-road sono ancora più complicate. Come funziona? Il sistema mantiene ferma la moto attivando il freno posteriore per 9 secondi, permettendo al pilota di ripartire curandosi solo del gas e della frizione, senza dover far fronte a pericolosi indietreggiamenti della moto.

Il mio consiglio

Il DRE enduro nasce per chi vuole imparare ad andare in fuoristrada, ma personalmente lo consiglierei a tutti i motociclisti, anche a quelli che con il tassellato non hanno nulla a che fare: perché imparare a gestire la propria moto in condizioni di aderenza precaria affinerà inevitabilmente le proprie abilità di guida. E ne gioverà anche la guida su strada e in pista.

Abbigliamento utilizzato

Giacca: Dainese Hawker D-Dry Jacket

Pantaloni: Dainese Tempest D-Dry Pants

Guanti: Dainese Rainlong D-dry Gloves

Stivali: TCX

Casco: Ducati