Citroen C-Zero - Odissea Elettrica 5
  • pubblicato il 14-02-2012
Eco

“Odissea Elettrica”: il giro del mondo in 200 giorni, con la Citroën C-Zero

La city car francese farà il giro del mondo in 200 giorni con solo 250 euro di corrente elettrica

Ogni epoca ha i suoi mezzi di trasporto e il XXI secolo sembra sia quello dell’auto elettrica. Almeno secondo Citroen che sta intraprendendo un’impresa che entrerà nella storia: il primo giro del mondo a bordo di una vettura a emissioni zero di serie, la Citroen C-Zero.

“Odissea Elettrica”, questo è il nome dell’operazione volta a promuovere la mobilità elettrica nonché la piccola city car - entrata in commercio lo scorso anno – protagonista dell’audace impresa.

I protagonisti

Se un’auto elettrica può fare il giro del mondo, allora chiunque può utilizzarla per andare a fare la spesa” questo è il pensiero di uno dei due piloti che stanno intraprendendo il viaggio, si chiama Xavier Degon, ha 27 anni ed è un ingegnere presso EDF. Al suo fianco c’è Antonin Guy, 28 anni, consulente presso Capgemini Consulting.

I numeri del viaggio

L’impresa è iniziata pochi giorni fa, l’11 febbraio scorso e durerà circa 200 giorni. Partita da Strasburgo, la C-Zero percorrerà 25.000 km attraversando 17 paesi. Le Montagne Rocciose, il cuore del Giappone, la Via della seta tra Cina e Kazakistan e l’Europa Centrale saranno solo alcuni degli scenari del lungo viaggio. Per quanto riguarda i rifornimenti sono state previste 300 ricariche per un totale di circa 250 Euro di corrente elettrica.

Citroen C-Zero

La Citroen C-Zero è equipaggiata con un motore a magnete da 64 CV (47 KW) posizionato posteriormente (con trazione posteriore) e alimentato da batterie agli ioni di litio (88 celle) di ultima generazione  posizionate invece al centro della vettura. Per una ricarica completa occorrono circa 6 ore attraverso una presa da 220 V. La velocità massima che può raggiungere è di 130 km/h mentre l’autonomia massima è di circa 150 km ad una velocità media di 70 km/h.

“Odissea Elettrica”: il giro del mondo in 200 giorni, con la Citroën C-Zero

L'opinione dei lettori