• pubblicato il 28-02-2013
Eco

Fiat, al via gli incentivi per il GPL e il metano

Dal 1 marzo, in anticipo su quelli statali, il Gruppo torinese lancia i contributi per l'acquisto di vetture e veicoli professionali bi-fuel

In Italia, lo scorso anno le vendite di auto sono calate del 20%, ma per alcune tipologie di vetture le immatricolazioni sono state in netta crescita: è il caso di quelle alimentate a GPL (+133,7% rispetto al 2011) e a metano (+40%).

A caccia di contributi

Com'è noto, le vetture bi-fuel inquinano meno (oltre ad abbattere i costi di rifornimento) e, proprio per questo motivo, lo Stato ne incentiverà gli acquisti a partire dal prossimo 14 marzo e fino a esaurimento fondi.

Fiat, dal canto suo, ha deciso di giocare in anticipo e da venerdì 1 marzo, per tutto il mese, stanzierà delle agevolazioni, equivalenti a quelle previste dal Governo, ma senza vincoli di sorta e senza limitazioni di plafond.

Con o senza rottamazione

La promozione del Gruppo torinese è valida sulle vetture dei marchi Fiat, Alfa Romeo e Lancia e sui veicoli commerciali (Fiat Professional) senza distinzioni tra clienti privati e utenze professionali, con o senza rottamazione. Avviso importante: gli incentivi statali e quelli di Fiat non si potranno cumulare.

Una gamma articolata

I modelli che Fiat ha deciso di incentivare sono la Panda a GPL e a metano, la Ypsilon a GPL e a metano, la Punto a metano e a GPL, la 500 a metano e a GPL, la 500L a metano, la Qubo a metano, la Musa a GPL, la Bravo a GPL, il Doblò a metano, la Delta, la Mito e la Giulietta a GPL.

Tra i veicoli commerciali figurano la Punto van a metano e a GPL, il Fiorino, il Ducato e il Doblò a metano.

Fino a 5.000 euro di sconto

Nella fascia inferiore ai 95 g/km di emissioni di CO2 si può acquistare una Lancia Ypsilon Ecochic a metano nell’allesimento Gold con uno sconto del 20%, che corrisponde a circa 3.000 euro più IVA: il valore è identico a quello previsto dall’incentivo statale per questa vettura.

Se, invece, si preferisce la neonata 500L TwinAir Turbo Natural Power da 80 CV (benzina/metano), in allestimento Lounge, è possibile beneficiare di un contributo di 2.000 euro più IVA, in linea con l’importo massimo previsto dalle agevolazioni statali per le vetture che rientrano nella fascia inferiore ai 120 g/km di CO2.

Infine, gli incentivi varati da Fiat si estendono ai modelli bi-fuel di categoria superiore, come l’Alfa Romeo Giulietta 1.4 Turbo GPL da 120 CV e la Lancia Delta Ecochic GPL 1.4 da 120 CV: su quest’ultima l’incentivo raggiunge i 5.000 euro.

Fiat, al via gli incentivi per il GPL e il metano

L'opinione dei lettori