• pubblicato il 03-01-2014
Eco

Ford C-MAX Energi Solar Concept

di Francesco Irace

Con la sola energia solare può percorrere quasi 1000 km

Ford ha svelato in queste ore la C-MAX Energi Solar Concept, primo veicolo con motore ibrido plug-in abbinato a un innovativo sistema di pannelli solari installati sul tetto.

Nata dalla collaborazione tra Ford, SunPower Corp. e Georgia Institute of Technology di Atlanta, sarà presentata al Ces di Las Vegas.

Percorre quasi 1000km solo sfruttando l'energia solare

Oltre all'alimentazione tramite tradizionale presa elettrica, la nuova C-MAX Energi Solar Concept carica le proprie batterie sfruttando l'energia solare.

Simile nel concetto a una lente di ingrandimento, il sistema in attesa di brevetto assorbe in un giorno energia pari a quella accumulata in quattro ore di carica tramite presa elettrica (8 chilowatt).

Con una carica completa, Ford C-MAX Energi Solar Concept è in grado di percorrere 620 miglia (quasi 1000 km), di cui 21 in modalità esclusivamente elettrica.

Subito dopo la presentazione al Ces, la vettura sarà sottoposta a numerosi test che simuleranno l'utilizzo che un utente ne farebbe nel quotidiano per verificarne l'affidabilità e quindi l'effettiva possibilità di proporla sul mercato.

Il sole potrebbe alimentare il 75% di tutti i viaggi effettuati da un conducente medio

Quella dell'energia solare potrebbe essere una fonte molto importante in chiave futura. Da alcuni studi effettuati da Ford risulta che il sole potrebbe alimentare fino al 75% di tutti i viaggi effettuati da un conducente medio in un veicolo ibrido solare; insomma, una validissima alternativa a quel vuoto causato dalla mancanza di una rete elettrica di ricarica adeguata.

Inoltre, l'impatto ambientale positivo di Ford C-MAX Energi Solar Concept sarebbe importante. Se tutti i veicoli leggeri negli Stati Uniti adottassero la tecnologia Ford C-MAX Energi Solar Concept, le emissioni annue di gas serra si ridurrebbero di circa 1 miliardo di tonnellate. E non è poco.

Ford C-MAX Energi Solar Concept

L'opinione dei lettori