• pubblicato il 30-10-2015
Eco

Honda Clarity Fuel Cell

La risposta di Honda alla Toyota Mirai. 700 km di autonomia e, per la prima volta, propulsore e batteria insieme nel vano motore

Al Salone di Tokyo 2015 Honda presenta la Clarity Fuel Cell, la sua proposta alternativa alla Toyota Mirai.

Vista per la prima volta già nel 2014 sotto forma di prototipo, si è evoluta fino a diventare un'elettrica a idrogeno pronta a sbarcare sui mercati già nel 2016.

Fondamentalmente la berlina pulita giapponese conserva il design della concept car dello scorso anno con alcune modifiche che riguardano al griglia frontale, una presa laterale inedita, nuovi cerchi e specchietti retrovisori e gruppi ottici posteriori più voluminosi.

La Honda Clarity Fuel Cell misura 4,89 metri in lunghezza (come la Mirai), 1,87 metri in larghezza e 1,47 metri in altezza. Dalla prima immagine rilasciata, l'abitacolo sembra mostrare una disposizione più classica rispetto alla sua rivale, offrendo anche un posto in più per i passeggeri, 5 in questo caso (4 per la Mirai).

La prima con batteria e propulsore elettrico insieme nel vano motore

Ma la berlina a idrogeno di Casa Honda si differenzierà in particolare per essere la prima della storia a montare il motore elettrico e la pila nello stesso spazio, cioè nel vano motore.

Secondo Honda questa batteria è il 33% più compatta e un 60 % più efficiente rispetto alla FCX Clarity che l'aveva preceduta.

Il propulsore genera una potenza di 177 CV ed offre due modalità di guida: Normal, per un equilibrio da consumi e prestazioni e Sport che assicura una risposta più decisa. Il deposito di idrogeno viene immagazzinato in un serbatoio che si riempie in circa tre minuti dando alla Honda Clarity Fuel Cell un'autonomia di ben 700 km.

Honda Clarity Fuel Cell

L'opinione dei lettori