• pubblicato il 12-04-2016
Eco

Hyundai e Linde insieme per BeeZero, primo carsharing a idrogeno

di Junio Gulinelli

A partire da quest'estate a Monaco, in Germania, il primo servizio di Car Sharing a idrogeno con la ix35 Fuel Cell

Sarà BeeZero - filiale del Gruppo Linde -  a proporre, a partire da quest'estate a Monaco, in Germania, il primo servizio di Car Sharing a idrogeno. La flotta BeeZero sarà composta da 50 Hyundai ix35 Fuel Cell, prenotabili online e destinate all'uso pubblico nel centro e in altri quattro quartieri della cittadina bavarese.

La Hyundai ix35 Fuel Cell (in commercio dal 2013 e presente in 13 paesi europei con 250 unità) è in grado di percorrere circa 594 chilometri con un solo, un'autonomia che permette di andare ben oltre l'uso cittadino. Inoltre Hyundai ci tiene a precisare che l’idrogeno destinato al rifornimento di BeeZero proviene da processi di produzione sostenibili, per viaggi totalmente carbon free. Quindi eco-sostenibile al 100%.

La nuova offerta di car sharing BeeZero è un vero e proprio esperimento di mobilità sostenibile”, spiegaThomas A. Schmid, Chief Operating Officer di Hyundai Motor Europe. “Grazie alle Hyundai ix35 Fuel Cell, BeeZero non sarà solo il primo servizio di car sharing con auto a zero emissioni alimentate a idrogeno, ma offrirà anche un trasporto confortevole e affidabile per le esigenze quotidiane del pubblico”.

Ci aspettiamo di ottenere informazioni preziose dalla gestione quotidiana della flotta, sicuramente utili per sviluppare ulteriormente le nostre tecnologie a idrogeno e per supportare l’espansione dell’infrastruttura di rifornimento”, sostiene Christian Bruch, membro del comitato esecutivo di Linde AG. “BeeZero unisce due tendenze nel mondo della mobilità in continua crescita: il Car Sharing e i veicoli a impatto zero. Siamo certi che questo servizio porterà ulteriori vantaggi alla tecnologia delle celle a combustibile e permetterà di raggiungere un bacino di utenti sempre più ampio”.

Hyundai e Linde insieme per BeeZero, primo carsharing a idrogeno

L'opinione dei lettori