• pubblicato il 07-06-2016
Eco

Piaggio Wi-Bike: tanta tecnologia (a prova di furto)

La bicicletta elettrica del marchio italiano promette un massimo di 120Km di autonomi, e modalità di uso altamente personalizzabili

È come avere una mano sulla schiena che vi spinge quando vi serve, al semaforo o in salita. In tutte quelle situazioni dove pedalare stanca.

La bicicletta elettrica, anche detta a pedalata assistita, è una buona idea per muoversi in città senza arrivare sudati in ufficio o grondanti di ritorno carichi di pacchi della spesa. Ed è anche usata sempre più spesso, nelle sue varianti sportive, da chi invece vuole sudare ma anche avere più autonomia e affrontare salite belle impervie. 

L'ultimo prodotto è della italiana Piaggio: si chiama Wi-bike e non è una semplice bici elettrica, perché unisce design, tecnologia e connettività

Piaggio Wi-bike: 120Km di autonomia (anche sulle piste ciclabili)

Come prima cosa va detto che la Wi-bike non è una bici elettrificata, ma un prodotto nuovo che impiega il meglio della tecnologia disponibile.

Il cuore è un motore elettrico, sviluppato e prodotto da Piaggio, che sviluppa 250 watt e che consente una velocità massima di 25 km/h.

In questo modo la Wi-bike non diventa uno scooter, resta una bicicletta, non va targata, non richiede l’uso del casco motociclistico e può accedere liberamente alle ZTL e alle piste ciclabili.

Il motore è alimentato da una batteria agli ioni di litio alloggiata verticalmente sotto la sella: garantisce un’autonomia tra i 60 e i 120 km, a seconda della modalità di utilizzo, comunque più che sufficiente per l’uso quotidiano.

È estraibile e si ricarica totalmente in tre ore. La trasmissione a cinghia è abbinata a un cambio automatico a variazione continua assistito elettronicamente.

 

Wi-bike: la bici elettrica di Piaggio fra tecnologia e sicurezza

Le centraline del motore, batteria e cruscotto sono collegate tra di loro da un codice personale che viene fornito al momento dell’acquisto e non possono funzionare separatamente: un efficace deterrente contro i furti. I singoli pezzi, infatti, non sono in alcun modo riutilizzabili.

In più la bici ha un collegamento GPS per individuare dove si trova via smartphone e per essere tracciata e recuperata in caso di furto.

Tramite una APP dedicata potete anche gestire le modalità di funzionamento della bici e decidere quali parametri di sforzo volete mantenere e quanta energia consumare.

Prima di iniziare a pedalare, potete scegliere tra tre modalità di utilizzo: Standard, con il quale il motore eroga potenza proporzionalmente allo sforzo rilevato sui pedali; City, che dà un “boost” di potenza ad ogni partenza, per scattare senza fatica negli Stop&Go del traffico cittadino. Infine, posizione Hill: il motore si adatta alla pendenza del percorso erogando più potenza in salita e meno in discesa o in pianura.

Ovviamente la bici elettrica funziona solo se pedalate: ma è una sensazione molto piacevole poter disporre, come dicevamo, di una spintarella efficace nelle situazioni più faticose.

La Piaggio Wi-bike pesa relativamente poco, 25 kg, ed è offerta in quattro versioni, dalla più semplice cittadina a quella più sportiva, con canna alta (maschile) o bassa (femminile).

E poi potete personalizzarla come più vi piace. Piaggio offre un nutrito catalogo di accessori, da sella e manopole in pelle, alle borse fino all’abbigliamento sportivo. Il listino va da 2.800 a 3.500 euro.

Piaggio Wi-Bike: tanta tecnologia (a prova di furto)

L'opinione dei lettori