• pubblicato il 29-04-2015
Eco

Toyota Mirai: già venduta la produzione fino al 2017

di Junio Gulinelli

La berlina ad idrogeno giapponese sulle orme della Prius, una partenza alla grande

La prima auto ad idrogeno della Casa giapponese, la Toyota Mirai, è stato un vero e proprio boom.

Partenza alla grande, in stile Prius

 Stessa partenza alla grande che fece la prima Toyota Prius quando venne lanciata sul mercato domestico nel 1997, poi divenuta una delle ibride più vendute al mondo.

La nuova Mirai parte "col botto" e, appena lanciata, ha esaurito già la domanda per i prossimi tre anni. Il piano è produrne 400 unità per il Giappone e 300 per il Nordamerica e l'Europa per il 2015. A 2000 unità ammonterà, invece, la produzione per il 2016, 3.000 per il 2017.

Quest'ultima cifra sembra essere proprio il top della produzione possibile all'anno, visto che la Toyota Mirai, in parte, è costruita in maniera artigianale (il che ne giustifica anche il prezzo che si aggira attorno ai 50.000 euro).

Stazioni di ricarica di idrogeno: un investimento a lungo termine...

Altro fattore ce si sta provando a mettere in moto è quello delle infrastrutture. Delle 100 stazioni di idrogeno che dovrebbero essere pronte entro la fine di quest'anno ne sono state costruite, per ora, solo 24, delle quali 19 sono operative.

Il costo per la produzione di ogni stazione ammonterebbe a oltre 3 mln di euro al cambio, un investimento, quindi, recuperabile a lunghissimo termine. Ma d'altronde qualcuno dovrà pure iniziare... Le prime unità della Toyota Mirai per il Nordamerica saranno consegnate a settembre, a seguire arriveranno anche in Europa.

 
Toyota Mirai: già venduta la produzione fino al 2017

L'opinione dei lettori