electric_highway
  • pubblicato il 25-08-2015

Il miglior accessorio per le auto elettriche? Potrebbe essere la strada stessa

di Stefano Valente

Niente più soste ogni 100 miglia

Il problema principale delle auto elettriche è senza dubbio l'autonomia delle batterie, ma un progetto delle autostrade inglesi potrebbe porre fine a questo limite. 

Verso la fine di quest'anno verrà avviato un esperimento di 18 mesi per combattere questa "ansia da distanza" permettendo alle auto di assorbire energia elettrica dalla strada stessa, anche mentre sono in movimento.  

Il test ovviamente ha lo scopo di rendere le autostrade il più efficienti possibili, soprattutto in termini di impatto sull'ambiente: lo stesso Mike Wilson, capo ingegnere delle Autostrade Inglesi, ha affermato che "le tecnologie per i veicoli avanzano ad un ritmo sempre crescente e siamo impegnati a sostenere la crescita dei veicoli ad emissioni ultrabasse sulle autostrade inglesi". 

Come funziona? 

In questo progetto pilota alcune corsie verranno dotate di una rete di cavi e bobine che saranno compatibili con alcune auto e le ricaricheranno lungo la strada. 

Il funzionamento di questa tecnologia ricorda quello dei caricabatterie per smartphone e costruttori come BMW e Nissan sono già al lavoro su come implementare questa tecnologia sulle auto. 

La grande novità del progetto delle autostrade inglesi è che comunque il veicolo non dovrà essere fermo, ma si potrà muovere mentre si ricarica e questo potrebbe rivoluzionare l'approccio all'acquisto delle auto elettriche. Al giorno d'oggi infatti soltanto i possessori di una Tesla possono viaggiare senza preoccuparsi di doversi fermare spesso, ma il costo di queste auto non è certo accessibile. 

Il miglior accessorio per le auto elettriche? Potrebbe essere la strada stessa

L'opinione dei lettori