• pubblicato il 03-05-2012

Volkswagen Passat "R-Line": allestimento sportivo per la berlina tedesca

Body-kit, linee sportiveggianti e abitacoli rifiniti per la berlina di Wolfsburg

La berlina di segmento D di Casa Volkswagen, la Passat, si veste da sportiva con il nuovo allestimento R-Line che, a breve, sarà disponibile sul mercato anche per la versione station wagon Variant.

Questo allestimento dai tratti evidentemente sportivi si inserirà tra le due varianti già in listino: l'entry level Comfortline e il top di gamma Highline. Ricordiamo che recentemente, per la versione station wagon è stata introdotta anche la variante Alltrack dallo stile crossover.

Il Body-kit R-Line

L'allestimento R-Line è caratterizzato da linee sportiveggianti con il paraurti anteriore dotato di prese d'aria maggiorate e nuovi fari fendinebbia integrati. L'assetto è riabbassato di 15 mm e le ruote montano cerchi in lega “Mallory” da 17 pollici (su richiesta anchje da 18 pollici) che calzano pneumatici da 235.

Sempre davanti è stato introdotto anche un accenno di splitterino (così come anche dietro), mentre al posteriore la parte bassa del paraurti colorata in nero imita un aggressivo diffusore, tipico delle versioni “sport”, dal quale fuoriescono i tubi di scarico cromati.

L'abitacolo, più rifinito e sportivo

All'interno dell'abitacolo troviamo invece battitacco e pedaliera in metallo, sedili sportivi, volante rivestito in pelle e con tasti multifunzione oltre a materiali di qualità più elevata e rifiniture in alluminio spazzolato. Dal punto di vista cromatico dominano il nero ed il grigio chiaro, tinte riprese anche dal nuovo tessuto per i sedili.

R-Line Design Package

Per quanto riguarda i prezzi per ora si conoscono solo quelli per la Germania, che partono da 30.225 euro. In alternativa, però, sarà possibile anche avere lo stesso body-kit estetico della R-line anche sulle versioni  Comfortline ed Highline ad un prezzo aggiuntivo di 990 Euro (R-Line Design Package).

Volkswagen Passat "R-Line": allestimento sportivo per la berlina tedesca

L'opinione dei lettori