• pubblicato il 25-10-2016

Lynk & Co 01

di Junio Gulinelli

Il colosso cinese Geely presenta il nuovo marchio automobilistico globale e la prima SUV ultra connessa, in collaborazione con Volvo

La scorsa settimana Geely ha lanciato una nuova marca automobilistica, la Lynk & Co. Compiendo le aspettative fomentate dai rumors degli ultimi tempi, il colosso industriale cinese ha approfittato del lancio, in Svezia, per svelare anche la prima vettura del marchio neonato, la Lynk & Co 01 (Gallery in apertura).

Se l'aspetto della prima SUV 01 risulta familiare è perché il costruttore asiatico ha sfruttato a pieno le sinergie con Volvo, creando un'auto basata sulla piattaforma della futura Volvo XC40.

Stile europeo, ambizioni globali

Le sue ambizioni sono globali, arriverà infatti sul mercato cinese nel 2017, per poi sbarcare anche in Europa e negli Stati Uniti. A differenza della cugina scandinava, la 01 sarà però costruita in Cina e si caratterizzerà per un bagaglio tecnologico innovativo che punterà tutto sulla connettività. Permanentemente collegata alla rete, la Lynk & Co 01 proporrà un inedito sistema di applicazioni 'aperto' che permetterà agli sviluppatori esterni di disegnare nuove idee e funzionalità per l'auto.

Un nuovo modello di business e connettività

Tutto nuovo anche il modello di business che prevede, oltre a innovative formule di noleggio e car sharing, la vendita di servizi personalizzati e la digitalizzazione dei contenuti, grazie a collaborazioni con Microsoft e Alibaba. Tra l'altro Lynk & Co farà a meno di una rete di distributori: le auto si acquisteranno infatti online e per i clienti è previsto un servizio per il ritiro e la riconsegna direttamente a casa, per manutenzione e tagliandi.

Lunga 4.530 mm, alta 1.654 mm e larga 1.855 mm la Lynk & Co 01 vanta un passo di 2.730 mm, con proporzioni simili a quelle di una Kia Sportage e leggermente più grande di una BMW X1. Nessun dato è stato per ora rivelato rispetto alla meccanica che troveremo sotto al cofano della 01, anche se è facile immaginarsi l'adozione di propulsori provenienti dalla stessa famiglia della futura serie 40 di Volvo.

Lynk & Co 01

L'opinione dei lettori