• pubblicato il 19-04-2013

Maserati e Ermenegildo Zegna: siglata collaborazione per tre anni

di Junio Gulinelli

I due marchi italiani siglano un accordo di collaborazione. Nel 2014 la prima Quattroporte Limited Edition griffata dal brand di moda maschile.

Maserati e Ermenegildo Zegna, motori, lusso e moda... i due marchi hanno firmato un accordo di collaborazione per tre anni sottoscritto da entrambi gli amministratori delegati, Sergio Marchionne per Maserati e Gildo Zegna per la firma di moda specializzata in abbigliamento da uomo.

Il 2014 sarà la data in cui si vedrà il primo frutto di questa alleanza, con un'edizione limitata, a cento unità, della Maserati Quattroporte.

E non si tratta di una data qualsiasi, visto che il 2014 la marca di auto di lusso italiana soffierà sulle cento candeline (centenario). Questa Quattroporte speciale sarà reinterpretata e personalizzata da Ermenegildo Zegna.

"Vestiti griffati" per la Quattroporte e non solo...

I “vestiti” che indosseranno queste cento ammiraglie speciali saranno fabbricati nello storico “lanificio Zegna” di Trivero. Ermenegildo Zegna si incaricherà di creare nuovi colori, materiali e rifiniture ispirati alla sua collezione.

Il primo prototipo della Maserati Quattroporte Limited Edition by Ermenegildo Zegna  sarà presentato durante uno dei prossimi saloni internazionali dell'auto, ancora da confermare quale.

Inoltre, saranno creati per il Tridente, dettagli e rifiniture opzionali tra cui si potrà scegliere per qualsiasi super sportiva di lusso della gamma, in questo caso a partire dal 2015.

Gildo Zegna, amministratore delegato della firma di moda, ha riconosciuto che entrambe le aziende condividono una tradizione di più di cento anni nell'industria e sono riconosciute a livello mondiale come ambasciatrici dell'eccellenza italiana.

Da parte sua Sergio Marchionne, amministratore delegato del Gruppo Fiat, ha detto che “questa alleanza avrà risvolti positivi per entrambe le parti e per il Gruppo Fuat-Chrysler”.

Maserati e Ermenegildo Zegna: siglata collaborazione per tre anni

L'opinione dei lettori