• pubblicato il 08-11-2013

Mercedes S 65 AMG: la versione più radicale della gamma

di Junio Gulinelli

Rilasciate le prime fotografie e dati ufficiali della berlina di lusso della Stella nella sua versione più radicale, alimentata dal V12 da 630 CV.

Mercedes Benz ha presentato la nuova S 65 AMG pubblicando le prime immagini e dati ufficiali di questa versione radicale ed estrema della berlina di lusso della Stella. Sotto di lei c'è solo la un pò meno estrema S 63 AMG.

Motore da supercar

Tanto per cominciare dal pezzo forte della nuova Mercedes S 65 AMG, partiamo dal suo cuore pulsante, il mostruoso V12 da 6,0 litri sovralimentato da due turbocompressori che è capace di erogare fino a 630 CV di potenza massima a 4.800 giri.

Ma ancora più sorprendente è la coppia motrice massima, pari a ben 1.000 Nm tutta sfogata già a partire dai 2.300 giri e fino ai 4.300 giri.

Sono numeri degni di una supercar ma l'auto in questione è una lussuossissima ammiraglia. Ma le prestazioni, ancora, ci fanno dimenticare che di questo si tratta.

La Mercerdes S 65 AMG scatta, infatti, da 0 a 100 km/h in appena 4,3 secondi (va tenuto in considerazione che supera le due tonnellate di peso...), raggiunge una velocità massima (ovviamente autolimitata) di 250 km/h. Di fatto senza il limitatore supererebbe abbondantemente i 300 km/h.

Grazie al sistema start/stop di cui è dotata la S 65 AMG non è neanche eccessivamente assetata, consuma, infatti, 9,9 litri/100 km ed emette 279g/km di CO2.

Aprendo il cofano, poi, la prima sorpresa che si vede è il coperchio del V12 in fibra di carbonio. Il motore è costruito a mano e, come norma per questi modelli AMG, è firmato dalla persona che lo ha assemblato.

Chassis da sportivona di razza

La nuova Mercedes S 65 AMG utilizza la nota trasmissione a doppia frizione AMG Speedshift Plus 7G-Tronic, che permette di sfruttare al massimo tutte le potenzialità del motore. Questo cambio offre tre modalità di guida: Controlled Efficiency, Sport e Manual.

Inoltre la Mercedes S 65 AMG incorpora una batteria agli ioni di litio che riduce il peso di 20 Kg e rimpiazza la tradizionale batteria di avviamento e riserva del modello anteriore, ha dimensioni più compatte e resiste di più alle basse temperature.

Lo chassis utilizzato da questa versione “cattiva” della Mercedes Classe S è quello sportivo firmato AMG ed utilizza la tecnologia Body Control Magic, che avverte le ondulazioni del fondo stradale e adatta di conseguenza la durezza della sospensione.

Inoltre, come optional la si può dotare del sistema frenante in carboceramica ad alto rendimento.

Mercedes S 65 AMG: la versione più radicale della gamma

L'opinione dei lettori