• pubblicato il 07-10-2014

Seat: da maggio 2015 addio all'Altea, dal 2016 la SUV compatta

di Junio Gulinelli

Fuori produzione la monovolume compatta e il marchio spagnolo starebbe pensando anche ad una SUV di segmento B

Il prossimo mese di Maggio è stato scelto da Seat per dire fine alla produzione della gamma Altea. A partire da quel momento la firma spagnola rimarrà senza una rappresentante nel segmento delle MPV compatte e, per il moneto, non sembra che verrà rimpiazzata da una sostituta.

La Seat Altea è una delle auto più “veterane” del segmento. Lanciata nel 2004 nacque come alternativa nella categoria dal taglio dinamico, dal disegno creativo e originale e dalla modularità interna abbastanza limitata.

Anche se riscosse un discreto successo nella sua prima tappa commerciale presto i volumi delle vendite si ridimensionarono scendendo sotto le aspettative del marchio. Tanto che Seat decise di introdurre la Altea XL a fine 2006 (introducendo, tra l'altro, anche novità versatili come il sedile posteriore scorrevole).

Proprio grazie a questa versione la gamma è riuscita, fino ad ora, a mantenere una buona posizione nel mercato con volumi di vendite stabili e, nel caso del mercato spagnolo, tra i primi posti del suo segmento.

Di Seat Altea ne sono state prodotte numerose versioni, tra cui l'interessante Freetrack dall'aspetto crossover, con possibilità di trazione integrale e motori potenti, fino a 210 CV per il benzina e 170 CV per il diesel.

Per il momento Seat non ha rivelato quale modello sarà l'erede dell'Altea, sappiamo, però, che dal 2016 arriverà la prima SUV compatta del marchio sviluppata sulla fortunata piattaforma della Leon (la MQB di Volkswagen) e che sarà costruita presso gli stabilimenti Skoda in Repubblica Ceca.

Ma, una notizia interessante, venuta fuori proprio in questi giorni al Salone di Parigi 2014, riguarda l'intenzione di Seat di produrre anche un piccolo SUV di segmento B. Dovrebbe arrivare due o tre anni dopo l'uscita della crossover compatta, ovvero nel 2019.

Rispetto alla compatta off-road il CEO di Seat, Jurgen Stackmann, ha rivelato (alla kermesse parigina) che avrà un'estetica più conservatrice e andrà diretta a colpire le aspettative e esigenze della clientela coniugando versatilità, spazio e qualità. Farà a spallate, insomma, con la Nissan Qashqai.

Rispetto alla possibile, futura, B-SUV di Seat, invece, dovrebbe trattarsi di un prodotto meno conservatore, più giovanile e differenziato. Rivale della Nissan Juke.

Seat: da maggio 2015 addio all'Altea, dal 2016 la SUV compatta

L'opinione dei lettori