Anteprime

Abarth 695 Tributo Ferrari. La piccola 500 che imita la grande della F1

Abarth, la divisione ad alte prestazioni del gruppo Fiat, è tornata per il secondo anno consecutivo al Goodwood Festival of Speed. Punta di diamante della gamma è stata la Abarth 695 Tributo Ferrari, in bella mostra ha catturato l’attenzione di molti. Si tratta di uno dei modelli piu’ accattivanti del brand e per questo si è fatta bella durante tutto il festival nella parata delle supercar.

Vestita di Rosso

Questo tributo alla casa di Maranello si concretizza nella esclusivissima veste “rosso scuderia” e i tre numeri che ne compongono il nome “695”, richiamano la più arrabbiata delle mitiche 500 Abarth degli anni ’60. Due strisce grigie attraversano il cofano e il tetto della vettura dandole ancora di piu’ un carattere grintoso. Pinze dei freni rosse richiamano il colore della carena e, riconoscibile sul portellone posteriore, sul musetto e sul laterale, il marchio Abarth/Ferrari 695.

Motore

la Abarth 659 tributo Ferrari non è “cattiva” solo fuori ma anche dentro. Sotto il cofano pulsa infatti un motore di 1368cc turbo, che produce 180 cavalli a 5500rpm e 250Nm di coppia a 3000rpm. Un cuore grande, insomma, per una piccola ma supersportiva 500.

Prestazioni

E’ il caso di dare qualche numero. D’altronde, viste le piccole dimensioni della vettura e il motore così potente, la curiosità e tanta: laAbarth 659 tributo Ferrari accelera da 0 a 100 km/h in meno di 7 secondi e puo’ raggiungere una velocità massima di ben 225 km/h.

L’evento Goodwood ha segnato anche la prima apparizione pubblica del Regno Unito della nuova vettura Abarth 500C con cambio manuale e della Abarth Punto Evo esseesse. “Abarth è felice di essere tornata a Goodwood”, ha detto Ivan Gibson, responsabile della Abarth nel Regno Unito. “E ‘uno degli eventi principali del calendario automobilistico ed è una meravigliosa opportunità per il pubblico di vedere e, per pochi fortunati, di provare, la gamma dei prodotti Abarth”.