Anteprime

Mazda: nel 2019 il primo motore con avviamento a compressione

La Casa giapponese presenta la nuova strategia “Zoom-Zoom Sostenible 2030”

Mazda-at-2015-Los-Angeles-Auto-Show-21_1440x655c

Mazda introdurrà sul mercato il primo motore a benzina al mondo ad avviamento per compressione. Si chiamerà Skyactiv-X, arriverà nel 2019 e rientrerà nella nuova strategia del marchio “Zoom-Zoom Sostenible 2030”.

Zoom-Zoom Sostenible 2030

Questa nuova visione del marchio giapponese nacque con il piano originale del 2007, ora però adotta una prospettiva più a lungo termine e ridefinisce il modo in cui la Casa di Hiroshima contribuirà all’abbassamento globale delle emissioni e alla mobilità sostenibile.

Secondo quanto annunciato da Mazda il nuovo Skyactiv-X combinerà i vantaggi dei motori a diesel e benzina offrendo anche un eccellente comportamento medioambientale e ottime prestazioni, oltre naturalmente ad abbassare notevolmente i consumi.

Entro il 2030 Mazda si è impegnata a ridurre del 50% le emissioni, obiettivo che diventerà ancora più ambizioso per il 2050 con una previsione di un ulteriore abbassamento al 90%.

Il 2019 sarà l’anno in cui la Casa giapponese inizierà ad introdurre le sue prime auto elettrificate (anche ibride quindi) nei mercati ad alta percentuale di produzione di energie pulite o che impongano limiti ristretti alle emissioni.

E non manca, infine, nei piani di Mazda, lo sviluppo di tecnologie avanzate in tema di sicurezza: nel 2020 inizierà infatti le prove per la guida autonoma con l’obiettivo di introdurre su tutta la gamma, entro il 2020, il sistema Co-Pilot.