La Mitsubishi Pajero Pinin 2.0 5p. del 2004 oggi si trova (difficilmente) a circa 6.000 euro
  • pubblicato il 02-07-2011

Auto usate - Il flop: Mitsubishi Pajero Pinin 2.0 5p. (2004)

di Marco Coletto

La Mitsubishi Pajero Pinin é arrivata troppo in anticipo sui tempi. La baby SUV giapponese, prodotta a Bairo Canavese in provincia di Torino, non ha avuto molto successo: colpa soprattutto dell'assenza di un motore diesel. La versione 2.0 offriva in poco più di quattro metri di lunghezza cinque porte, l'iniezione diretta di benzina, la trazione integrale e le marce ridotte: un esemplare del 2004 costa intorno ai 6.000 euro ma é introvabile. Scopriamo i pregi e i difetti.

ABITABILITÀ - Lo spazio a disposizione dei passeggeri non é molto: d'altronde stiamo pur sempre parlando di un'auto più corta di una Fiat Punto Evo. Solo nella zona della testa ci sono centimetri a sufficienza.

FINITURA - Complessivamente buona, più alla voce "assemblaggi" che in quella dedicata ai materiali.

DOTAZIONE DI SERIE - L'autoradio, i cerchi in lega, il climatizzatore e i fendinebbia sono compresi nel prezzo ma all'epoca c'era poca possibilità  di personalizzazione.

CAPACITÀ BAGAGLIAIO - 350 litri (parecchi) che diventano 1.000 (un po' pochini) abbattendo i sedili posteriori.

POSTO GUIDA - Posizione rialzata quanto basta per dominare la strada e volante molto inclinato: chi si aspetta una 4x4 simile ad un'auto può rimanere deluso.

CLIMATIZZAZIONE - Impianto soddisfacente, che difficilmente però raffredda adeguatamente gli occupanti dei posti posteriori.

SOSPENSIONI - Gli ammortizzatori assorbono male le sconnessioni più dure.

RUMOROSITÀ - La Pajero Pinin é, ancora oggi, una delle auto più silenziose tra quelle dotate di marce ridotte.

MOTORE - Il 2.0 ad iniezione diretta di benzina da 129 CV e 190 Nm di coppia, pur non essendo molto potente, riesce ad essere vivace già  intorno ai 3.000 giri. Peccato che la spinta si esaurisca a quota 5.000.

CAMBIO - Manuale a cinque marce più ridotte: l'ideale per andare in fuoristrada. Difficile che la leva si impunti: é stata ben progettata.

STERZO - L'elemento più "automobilistico" della baby SUV nipponica: pronto e preciso, non mette mai in difficoltà .

PRESTAZIONI - Molto interessanti, complice anche il peso contenuto:  170 km/h di velocità  massima ma soprattutto 10,8 secondi per accelerare da 0 a 100 km/h.

DOTAZIONE DI SICUREZZA - Alti e bassi: gli airbag frontali e laterali ci sono però manca l'ESP (non disponibile nemmeno a pagamento).

VISIBILITÀ - I montanti sottili e le dimensioni esterne compatte (4,04 metri di lunghezza) la rendono facilissima da posteggiare.

FRENI - Potenti ma poco modulabili.

TENUTA DI STRADA - Su asfalto é sicura (meglio non esagerare vista l'assenza del controllo di stabilità ), sugli sterrati più duri é fenomenale (la trazione é posteriore, anteriore inseribile).

PREZZO - Da nuova costava parecchio (23.641 euro), oggi é praticamente introvabile. 6.000 euro é la cifra giusta.

TENUTA DEL VALORE - Nonostante l'iniezione diretta di benzina, la trazione integrale e le ridotte ha avuto poco successo. Questo il motivo per cui da usata il suo prezzo é calato tanto quanto quello di rivali meno dotate tecnicamente.

CONSUMO - I motori GDI Mitsubishi non sono mai stati famosi per consumare poco: lo dimostra la percorrenza dichiarata della Pajero Pinin (10,5 km/l).

GARANZIE - La copertura globale e quella sulla verniciatura sono scadute nel 2007, quella sulla corrosione lo scorso anno.

Auto usate: trova qui la tua.

Auto usate - Il flop: Mitsubishi Pajero Pinin 2.0 5p. (2004)

L'opinione dei lettori