• pubblicato il 03-10-2010

Giro d'Italia con la Toyota Auris Hybrid

di Marco Coletto

Le ZTL (meglio conosciute come Zone a Traffico Limitato) delle città sono "off-limits" per molti automobilisti, ma non per tutti: per attraversarle senza il rischio di prendere una multa basta avere un'auto come la Toyota Auris Hybrid. I giornalisti di Panoramauto hanno messo alla prova la compatta a doppia alimentazione (benzina/elettrica) giapponese nei centri storici di Firenze, Bologna e Mantova. La prova completa sul numero di ottobre.

In assenza di una normativa nazionale spetta ai Comuni decidere quali vetture hanno diritto ad accedere nel cuore del paese e a che condizioni. La prima tappa, la Milano-Firenze, si rivela un percorso ideale per caricare al massimo le batterie: basta trovare una discesa (in questo caso Raticosa e Futa) e spostare il selettore del cambio da P a B (così facendo aumenta il freno motore). Per entrare nel capoluogo toscano sono sufficienti pochi minuti: il tempo di recarsi in un ufficio ed uscire con un lasciapassare valido fino al... 2099. Le limitazioni? Non si può circolare sulle corsie preferenziali e nemmeno accedere a Piazza del Duomo e Piazza della Signoria: in compenso è possibile transitare sulle aree pedonali e davanti agli Uffizi, a patto di usare esclusivamente la trazione ad emissioni zero (che ha un'autonomia di soli 5 chilometri).

Sulla SS 65 che porta da Firenze a Bologna la Auris mostra le sue doti alla voce "consumi": 15,5 km/l in salita, addirittura 30 km/l (con un picco di 40) tra discesa e pianura. Nel Comune emiliano non si può scorrazzare liberamente nelle zone dedicate ai pedoni ma il compenso il posteggio è gratuito ovunque. La compatta nipponica passeggia tranquillamente tra le vie: è silenziosissima e crea un'atmosfera rilassata intorno al pilota e ai passeggeri.

La terza e ultima tappa di questo "mini" Giro d'Italia, la Bologna-Mantova, è penalizzante per la vettura: come è noto la tecnologia ibrida dà il meglio di sé in città dove ci sono frequenti frenate e ripartenze mentre in autostrada il maggior peso (dovuto al doppio propulsore e alle batterie) e l'assenza di discese peggiorano la situazione. Ciononostante, anche in questo caso si sono registrate percorrenze nell'ordine dei 17,8 km/l.

Giro d'Italia con la Toyota Auris Hybrid

L'opinione dei lettori