• pubblicato il 03-08-2010

Immatricolazioni auto luglio 2010: il tracollo

di Marco Coletto

Rispetto allo stesso mese del 2009 le vendite di modelli nuovi sono calate del 25,97%. Se si considerano le sole vetture italiane il bilancio è ancora più preoccupante: -35,46%

La crisi del mercato dell'auto in Italia sembra non avere fine. Le immatricolazioni del mese di luglio hanno fatto registrare un -25,97% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Malissimo le italiane (-35,46%), a causa soprattutto del calo della domanda di veicoli alimentati a GPL e metano.

Gli unici brand importanti ad aver resistito al tracollo sono stati BMW (+12,41%) e Volkswagen (+0,48%). Desta invece preoccupazione il futuro delle torinesi Fiat (-39,53%) e Lancia (-32,40%) e della Ford (-35,13%).

Scopriamo insieme i promossi e i bocciati del mese, percentualmente parlando: nella gallery troverete i dati numerici e le motivazioni.

PROMOSSI: Chrysler, Ferrari, Jeep, Land Rover, Mitsubishi

BOCCIATI: Daihatsu, Hyundai, Lamborghini, Saab, Ssangyong

Immatricolazioni auto luglio 2010: il tracollo

L'opinione dei lettori