Toyota Yaris GPL
  • pubblicato il 19-03-2010

La Toyota si converte (tardi) al GPL

di Marco Coletto

La Casa giapponese lancia il primo impianto a gas su Aygo e Yaris. Difficile trovare un momento peggiore per il debutto, visto che gli incentivi sono finiti...

Non poteva scegliere un momento peggiore la Toyota per esordire nel mondo del GPL con la Yaris e la Aygo. Dopo aver sconsigliato per anni ai propri clienti di montare bombole (causa problemi alle sedi valvole), la Casa giapponese si è adeguata al resto delle rivali. In ritardo: gli incentivi sono scaduti da tre mesi e per le immatricolazioni di vetture di questo tipo si prevedono cali vertiginosi.

Per il momento il GPL Toyota è disponibile solo con la motorizzazione 1.0 benzina a tre cilindri e il cambio manuale. La Aygo emette 101 g/km di CO2 (contro i 106 della variante da cui deriva), garantisce un'autonomia di oltre 500 km a gas (1.500 km complessiva) e dichiara un consumo medio di 15,8 km/l. La Yaris risponde con emissioni di 113 g/km di anidride carbonica (anziché 118), una percorrenza nel ciclo misto di 14,3 km/l e un'autonomia totale di 1.400 km.

Fino alla fine di marzo l'impianto (realizzato dalla Landi Renzo) sarà gratuito, successivamente si dovranno aggiungere 2.000 euro ai listini di Yaris e Aygo.

La Toyota si converte (tardi) al GPL

L'opinione dei lettori