• pubblicato il 04-03-2011

Lancia Ypsilon: la genesi della piccola chic torinese

di Marco Coletto

Quattro anni per passare dai primi schizzi alla presentazione ufficiale e un frontale cambiato all'ultimo momento dopo l'accordo con Chrysler. Scopriamo tutti i dettagli di stile, e non solo, della "segmento B" più elegante del momento

Ci sono voluti quattro anni per passare dai primi schizzi della Lancia Ypsilon alla presentazione ufficiale. Il progetto 846 è stato influenzato dall'accordo con Chrysler: quando le forme della vettura erano già state congelate i designer hanno dovuto modificare il frontale per renderlo più "americano".

Gli elementi che saltano maggiormente all'occhio sono la griglia anteriore con i listelli orizzontali (a nostro avviso un po' troppo vistosi, le future versioni " maschili" potrebbero averli bruniti), le maniglie posteriori mimetizzate nelle porte e la verniciatura bicolore sul cofano anziché sul portellone (meno chic di prima, fa sembrare la vettura una PT Cruiser).

Gli obiettivi di vendita della piccola torinese (che debutterà in listino a giugno) sono di 35.000 unità per il 2011 e 100.000 a pieno regime: il 60% di queste arriverà in Italia, nel Regno Unito e in Irlanda verrà messa in commercio con il brand Chrysler e non si esclude uno sbarco negli USA, ma solo se la Fiat 500 dovesse avere successo.

Nella gallery potrete trovare i disegni (di esterni e interni) che hanno portato alle linee definitive della vettura.

Lancia Ypsilon: la genesi della piccola chic torinese

L'opinione dei lettori