Google Car
  • pubblicato il 13-10-2010

Luci e ombre dell'auto di Google che si guida da sola

di Marco Coletto

Negli ultimi mesi la California State Route 1 (strada che collega Los Angeles a San Francisco) è stata attraversata piuttosto frequentemente da sette vetture (sei Toyota Prius e un'Audi TT) dotate di una strana telecamera girevole sul tetto. Potrebbero sembrare le Google Cars utilizzate per Street View se non fosse che non c'è nessuno alla guida.

L'automobile senza pilota è l'ultimo progetto del colosso di Mountain View: un sensore rotante monitora la zona intorno al veicolo fino ad oltre 60 metri di distanza e, grazie al GPS e ad un dispositivo montato sulla ruota posteriore che misura i piccoli movimenti del mezzo, genera una mappa tridimensionale. Una telecamera posizionata vicino allo specchietto retrovisore centrale analizza i semafori e riconosce ostacoli come i pedoni e i ciclisti mentre quattro radar (tre anteriori e uno posteriore) determinano la distanza da ogni singolo oggetto.

Gli obiettivi (a lunghissimo termine, visto che non è stata ancora fissata una data per la presentazione di un eventuale prototipo) sono ambiziosi: destinare ad altre faccende il tempo destinato alla guida (52 minuti in media per un pendolare americano) ma soprattutto dimezzare le vittime di incidenti stradali (1,2 milioni ogni anno secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità).

Quest'ultimo punto non ci ha convinti del tutto, specialmente dopo aver letto l'articolo del New York Times sull'argomento: il calo degli incidenti consentirà di diminuire la distanza di sicurezza tra due veicoli (e aumentare così il numero di automobilisti sulle strade) e di creare modelli più leggeri. Affidarsi completamente alla tecnologia, però, è sbagliato (lo dimostra il video qui sotto, dove il sistema di rilevamento pedone della Volvo non funziona correttamente): cosa succederà quando una "Google Car" (più fragile) si scontrerà con un'auto robusta, guidata da un irriducibile teorico della guida in completa autonomia?

Luci e ombre dell'auto di Google che si guida da sola

L'opinione dei lettori