• pubblicato il 08-05-2011

Mazda Mazda2 1.3 75 CV: il test

di Marco Coletto

La Mazda Mazda2 non ha molto successo in Italia. Eppure la piccola giapponese (World Car of the Year 2008) è ricca di qualità. I giornalisti di Panoramauto hanno messo alla prova la versione 1.3 Trendy da 75 CV: l'esito del test sul numero di maggio.

In occasione del recente restyling i tecnici nipponici sono intervenuti sul frontale (la presa d'aria è più grande) e sugli interni (più curati rispetto a prima). Un'auto compatta (lunga solo 3,90 metri) che punta ad uscire dall'anonimato usando l'arma dell'estetica.

L'allestimento più costoso Trendy ha una discreta dotazione di serie: cerchi in lega da 15", climatizzatore automatico, fendinebbia, comandi radio al volante, sei airbag e rivestimenti in pelle per il volante e il cambio. Quest'ultimo si fa apprezzare per la precisione e la rapidità nell'inserimento delle cinque marce mentre non convince l'eccessiva lunghezza dei rapporti (pigrizia ai bassi regimi assicurata). Chi cerca le prestazioni è meglio che si rivolga agli altri propulsori da oltre 80 cavalli presenti in listino.

Lo sterzo è diretto (anche se la reazione delle ruote non lo è altrettanto), le sospensioni garantiscono una buona tenuta senza penalizzare il comfort e l'abitacolo è uno dei più insonorizzati della categoria. Attenzione al bagagliaio: è minuscolo.

Mazda Mazda2 1.3 75 CV: il test

L'opinione dei lettori