• pubblicato il 14-02-2010

Opel Astra 1.7 CDTI 125 CV Cosmo: il test

di Marco Coletto

La quarta generazione della Opel Astra è passata sotto la lente di ingrandimento dei giornalisti di Panoramauto. L'analisi completa sul numero di febbraio in edicola.

I grandi passi in avanti nel design e nel piacere di guida, già visti sulla Insignia, trovano conferma anche a bordo della sorella più piccola.

La tecnica (telaio attivo FlexRide, optional a 850 euro) si unisce alla tecnologia (il sistema Opel Eye, 500 euro, legge i cartelli stradali e segnala i cambi involontari di corsia) in un insieme racchiuso da una carrozzeria più lunga di 17 cm rispetto a prima, purtroppo priva di protezioni in plastica nera. Attenzione nei parcheggi!

Il motore 1.7 CDTI da 125 CV ha una spinta costante ma paga una certa carenza di brio agli alti regimi. Sicura nei crash-test EuroNCAP (cinque stelle e 34 punti) e in pista, non ha convinto invece nella frenata: gli spazi d'arresto a 50 e 100 km/h sono risultati troppo lunghi.

La capienza del bagagliaio delude, anche se con 50 euro in più è possibile acquistare il doppio fondo. La lista degli optional è ricca di accessori interessanti: il sistema FlexFix (600 euro, già disponibile sulla Corsa), ad esempio, fuoriesce dal paraurti posteriore e permette di trasportare due bici. L'unico problema è che questo marchingegno impedisce il montaggio degli utili sensori di parcheggio posteriori.

Come quasi tutte le auto europee, la garanzia è di soli due anni (il minimo di legge): è però possibile estendere la copertura a tre (198 euro) o a quattro anni (398 euro) fino a 120.000 km.

Opel: scopri caratteristiche e prezzi nel listino.

Opel Astra 1.7 CDTI 125 CV Cosmo: il test

L'opinione dei lettori