Carlos Ghosn
  • pubblicato il 15-03-2011

Renault non è vittima di spionaggio industriale: scagionati i tre dirigenti licenziati

di Marco Coletto

Michel Balthazard, Bertrand Rochette e Matthieu Tenenbaum non hanno passato ai cinesi informazioni riservate sull'auto elettrica: questo emerge dalle indagini condotte dalla Procura di Parigi. L'ad della Régie Carlos Ghosn fa mea culpa e rinuncia alla parte variabile della propria remunerazione

Niente spionaggio industriale alla Renault. I tre dirigenti (Michel Balthazard, Bertrand Rochette e Matthieu Tenenbaum) accusati lo scorso gennaio di aver fornito ai cinesi informazioni riservate riguardanti l'auto elettrica sono stati scagionati in seguito alle indagini condotte dalla Procura della Repubblica di Parigi.

Su richiesta dell'ad della Régie Carlos Ghosn si è tenuto ieri un Consiglio d'amministrazione straordinario nel quale sono state presentate le principali misure che l'azienda intende adottare per superare questa crisi: oltre alla proposta di reintegro e/o di risarcimento ai tre manager il numero uno e due (Patrick Pélata, che gli scorsi giorni ha visto respinte le proprie dimissioni) della Casa francese - insieme a tutti i quadri coinvolti - rinunceranno alla parte variabile della propria remunerazione conseguita per il 2010 e ad ogni beneficio di stock-option per l'esercizio 2011.

Renault non è vittima di spionaggio industriale: scagionati i tre dirigenti licenziati

L'opinione dei lettori