• pubblicato il 20-02-2011

SUV: meglio la Toyota RAV4 o la Renault Koleos?

di Marco Coletto

La giapponese punta sul giusto mix tra comportamento su strada e fuori, la francese (costruita in Corea) risponde con la sicurezza e un prezzo concorrenziale. Chi la spunterà? Il verdetto su Panoramauto di febbraio

La Renault Koleos e la Toyota RAV4 ci dimostrano come non sia necessario spendere oltre 40.000 euro per avere una SUV comoda e moderna. I giornalisti di Panoramauto le hanno volute mettere a confronto: l'esito del duello sul numero di febbraio.

Pur avendo il passaporto francese la Koleos ha un DNA asiatico: la base è infatti quella della Nissan X-Trail mentre la fabbrica dove viene assemblata è quella della Samsung in Corea del Sud. Nonostante le dimensioni ingombranti la Sport Utility transalpina riesce a divincolarsi senza problemi nel traffico cittadino: peccato solo per la frizione dura e il cambio manuale poco fluido negli innesti (la trasmissione automatica costa 1.500 euro). Lo sterzo è eccessivamente leggero mentre il motore è vivace e parco allo stesso tempo. In autostrada sa offrire il massimo comfort e gli spazi di frenata sono nella norma.

La nuova generazione della RAV4 ha ben pochi elementi in  comune con la vettura che nel 1994 lanciò ufficialmente la moda delle SUV. La versione Crossover è priva di ruota di scorta esterna ma questo non ha reso più comodo aprire il portellone posteriore. Il cambio automatico di serie aumenta la comodità nei viaggi ma è lento nel trasmettere i cavalli al propulsore e fa crescere i consumi (10 km/l). La dotazione di sicurezza è completa (7 airbag) mentre la frenata potrebbe essere migliore. Le sospensioni rispondono in maniera secca sulle buche e la trazione è integrale permanente (al contrario della Renault: inseribile).

Le finiture della Sport Utility transalpina sono eccellenti: è impossibile trovare difetti di assemblaggio o una qualità scarsa dei materiali. Oltretutto l'abitacolo è ampio e silenzioso: un salotto ideale per gustarsi l'impianto audio Bose di serie, che ha l'unico difetto di occupare lo spazio destinato alla ruota di scorta. Il bagagliaio è penalizzato dal lunotto spiovente ma è caratterizzato da un'apertura doppia e da una comoda ribaltina per caricare gli oggetti più pesanti. Il prezzo è conveniente, soprattutto in rapporto alla dotazione (c'è tutto tranne i fari allo xeno e il cambio automatico): peccato che sul mercato dell'usato non sia molto apprezzata.

La RAV4 non brilla alla voce "qualità": la plancia, pur essendo ben assemblata, è composta da plastiche rigide. La posizione di guida delude per via del piantone dello sterzo poco regolabile e di comandi poco intuitivi. L'abitabilità è scarsa - soprattutto all'altezza delle gambe dei passeggeri posteriori - ma la panchetta scorrevole consente di privilegiare i posti dietro o le valigie. Il bagagliaio è molto capiente e ha una soglia di carico parecchio bassa mentre i prezzi sono decisamente più alti di quelli Renault.

SUV: meglio la Toyota RAV4 o la Renault Koleos?

L'opinione dei lettori