• pubblicato il 25-10-2011

Le donne? Sono più esposte a rischi: lo rivela uno studio (americano)

Uno studio rivela che in caso di collisione il gentil sesso ha più probabilità di infortunarsi gravemente

Secondo uno studio anticipato la settimana scorsa sull'American Journal of Public Health le donne coinvolte in incidenti soffrono maggiori danni degli uomini.

Il dato è impressionante: l'analisi di 10 anni di incidenti stradali negli Stati Uniti - dal 1998 al 2008 - con età media dei guidatori 36 anni, ha rivelato che a pari condizioni - stesso tipo di incidente ed entrambi con cintura allacciata - le donne avevano il 47% di probabilità in più di soffrire di lesioni gravi.

L'obiettivo dello studio era verificare quanto sostenuto da altre ricerche: che il maggiore rischio per le donne è riconducibile al diverso stile di guida tra maschi e femmine.

Il risultato a cui sono arrivati gli studiosi è invece che il modo di guidare conta poco, quello che impatta veramente sono fattori oggettivi di design delle automobili.

In particolare il posizionamento dei poggiatesta (che sono disegnati con in mente guidatori maschi, per cui non tengono conto che le donne hanno il collo di dimensione e forza diversa rispetto agli uomini) e dal diverso posizionamento sui sedili visto che le donne sono tendenzialmente più basse e piccole di misura.

La conseguenza è che le donne soffrono molto di più di lesioni serie al torso e nella parte inferiore del corpo.

Il risultato a cui sono arrivati i ricercatori è che per tutelare le donne quanto gli uomini, la sicurezza - sia da parte degli Stati che devono regolamentarla sia delle Case automobilistiche che devono implementarla - deve prevedere sistemi disegnati appositamente per le caratteristiche femminili.

TAG

Le donne? Sono più esposte a rischi: lo rivela uno studio (americano)

L'opinione dei lettori