She's mercedes
  • pubblicato il 18-09-2015

She's Mercedes: la Stella punta al pubblico femminile

Parte la campagna mondiale della Casa di Stoccarda decisa a conquistare il cuore delle clienti

È quasi scontato dirlo... la Casa tedesca premium Mercedes Benz ha una clientela prevalentemente maschile. Ma questa è solo la premessa alla notizia che arriva da Stuttgart e che riguarda, al contrario, il gentil sesso.

Le donne, infatti, sono entrate a pieno titolo nel mirino della Stella. Il brand premium ha in serbo una campagna globale battezzata con il titolo “She's Mercedes”, con la quale aspira a colpire direttamente il cuore delle donne.

Le donne nel Target di Mercedes

Oggi, con She’s Mercedes, ampliamo la nostra gamma di offerte in modo specifico per il target femminile. Desideriamo instaurare un dialogo intenso con le donne per poter soddisfare in modo mirato le loro esigenze, offrendo un’esperienza del nostro Marchio ancora più convincente e plasmare insieme a loro la mobilità del futuro”, ha affermato Jens Thiemer, Direttore Marketing Mercedes-Benz Car in occasione del Salone di Francoforte 2015, in pieno svolgimento proprio in questi giorni.

In casa Mercedes avverrà anche una formazione specifica per i dipendenti – compreso il personale di vendita - che saranno addestrati da ora in poi a soddisfare in maniera adeguata i desideri e le necessità delle donne. Su un altro fronte, poi, Mercedes svilupperà nuove prestazioni di mobilità disegnate specificatamente per il pubblico femminile.

La nuova rivista She's Mercedes e il configuratore per stili di vita...

Nasce, inoltre, la nuova rivista automobilistica del marchio intitolata proprio She's Mercedes diretta esclusivamente alla clientela femminile. A questa rivista seguirà molto presto anche una pagina web dedicata. E naturalmente un occhio di riguardo sarà riservato alle donne anche nel nuovo configuratore Mercedes che suggerirà l'auto più adatta ai propri clienti in base agli stili di vita e al sesso ovviamente.

She's Mercedes: la Stella punta al pubblico femminile

L'opinione dei lettori