• pubblicato il 22-03-2012

Lexus GS 450h: partita la produzione in Giappone, in Europa ariva in estate

Iniziata in questi giorni la produzione della berlina Premium ibrida made in Japan, in estate sbarca in Europa.

Arriverà sul mercato in Europa la prossima estate,  parliamo della “perla” della gamma GS di Casa Lexus, la berlina Premium ibrida GS 450h di cui è iniziata in questi giorni la produzione presso lo stabilimento di Tahara, nella prefettura giapponese di Aichi.

Ibrida a trazione posteriore

Si tratta do un’auto di alta gamma, dallo stile, appunto, Premium, caratterizzata da un alto livello di comfort, alta efficienza in termini di consumi e prestazioni di livello. Il suo biglietto da visita che la rappresenta al meglio è l’evoluto sistema ibrido (full Hybrid) Lexus Hybrid Drive con motore anteriore e trazione posteriore.

Una bella manciata di cavalli a disposizione

Il propulsore termico è un potente V6 da 3,5 litri e 290 CV di potenza a ciclo Atkinson e a iniezione diretta D-4S , abbinato ad un motore elettrico a magnete permanente e raffreddamento idraulico. Questa accoppiata garantisce alla Lexus GS-450h una potenza totale di ben 345 CV.

Prestazioni di alto livello… con bassi consumi

Per scattare da 0 a 100 km/h ci impiega 5,9 secondi e può raggiungere una velocità massima di 250 km/h. I consumi si attestano sui 5,9 litri/100 km con emissioni di CO2 pari a 137g/km; dati molto positivi considerata la mole e le elevate prestazioni di questa berlina Premium. In modalità elettrica al 100% riesce a percorrere fino a 10 km e raggiungere la velocità masima di 60 km/h.

Il sistema LDH, guida agile e precisa

Ultima caratteristica da citare è la possibilità di montare il sistema LDH, ovvero le quattro ruote sterzanti attive, che migliora, esaltandole, la precisione  di guida e l’agilità. Questo sistema comprende le Sospensioni Attive Variabili AVS, la Sterzata Posteriore Dinamica DRS, lo Sterzo ad Azione Variabile VGRS e la Gestione Integrata delle Dinamiche del Veicolo VDIM.

Lexus GS 450h: partita la produzione in Giappone, in Europa ariva in estate

L'opinione dei lettori