• pubblicato il 19-10-2011

Mazda e Fiorentina, insieme nel progetto “Play Fair Play”

Insieme per un nuovo ed interessante progetto

Fiorentina e Mazda, calcio e motori. Due mondi diversi accomunati dallo stesso valore: il Fair Play.

Il club toscano e la Casa giapponese confermano la collaborazione nell'ambito del progetto chiamato “Play Fair Play – Cartellino Viola”. Si tratta di un'iniziativa finalizzata a premiare il comportamento corretto dei giocatori in campo. Una giuria accuratamente selezionata - composta da sportivi, giornalisti e manager – andrà alla ricerca del miglior gesto di Fair Play compiuto in campo per premiarne l'autore; il tipo di riconoscimento che Mazda corrisponderà al più leale dei viola, al momento, non è ancora noto (nei prossimi giorni potrebbero esserne svelati i dettagli).

Allo stesso tempo la Casa giapponese cercherà di compiere il suo gesto di “Fair Play” nei confronti dei propri clienti e soprattutto dell'ambiente. Il contesto, dunque, è diverso ma il principio, quello della lealtà, è lo stesso. Ed è questa la base dalla quale è partito il progetto portato avanti da Mazda, che farà partire una serie di importanti iniziative volte a migliorare l'eco-sostenibilità delle proprie vetture.

Si tratta nello specifico di innovazioni studiate per ridurre al minimo l'emissioni di gas nocivi. Sono diverse le strade perseguibili per raggiungere tale obiettivo, ma Mazda punta in modo particolare sull'utilizzo di materiali a basso impatto ambientale e all'ottimizzazione della combustione interna. Queste ed altre tecnologie saranno applicate nel brevissimo termine su tutta la gamma dei veicoli Mazda, in modo tale da offrire questi vantaggi a tutti i clienti, nessuno escluso.

L'obiettivo finale è quello di ridurre del 30% le emissioni di CO2 entro il 2013 e del 30% i consumi di carburante entro il 2015. Il tempo a disposizione, dunque, non è tantissimo ma in Casa Mazda i presupposti per riuscire nell'impresa sembrano esserci proprio tutti.

Mazda e Fiorentina, insieme nel progetto “Play Fair Play”

L'opinione dei lettori